RiskApp, la startup che aiuta le compagnie nell’analisi digitale dei rischi delle PMI

La startup insurtech padovana RiskApp, attiva dal 2015, si conferma tra le più innovative in Italia per quanto riguarda la trasformazione digitale e l’analisi avanzata del rischio.

Le sue piattaforme, studiate a partire da tecnologie all’avanguardia, guidano le compagnie assicurative nel percorso di trasformazione digitale, e collaborano con gli intermediari per aiutarli a gestire a 360 gradi le esigenze insurance di piccole e medie imprese, dalla previsione di possibili catastrofi naturali alle attività di media monitoring online.

RiskApp in breve

RiskApp nasce a Padova, in Veneto, nel 2015 da un gruppo di studenti dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. L’idea è dell’allora neolaureato in International management Giuseppe Da Re, che sviluppa il progetto assieme a Pierpaolo Toniolo, Luca Scarparo, Federico Carturan, Francesco Xodo. L’azienda è oggi gestita dal CEO Federico Carturan, con Luca Bizzarro come COO.

Da un lato, i servizi innovativi di RiskApp semplificano il lavoro delle compagnie assicurative impegnate nel processo di trasformazione digitale, e dall’altro aiutano gli intermediari che operano nel settore delle piccole medie e imprese a gestire al meglio i rispettivi clienti.

Un supporto per la trasformazione digitale

Per quanto riguarda la trasformazione digitale, RiskApp aiuta i player assicurativi a sviluppare e lanciare nuovi prodotti digitalizzati – come sistemi API, micro servizi, o piattaforme di front end – in modo semplice e soprattutto estremamente rapido: “Dall’idea al mercato in sei settimane”, si legge sul sito.

Per farlo, la startup sfrutta tecnologie come l’intelligenza artificiale, i big data e il cloud computing, e punta su un metodo di sviluppo Agile, quindi meno strutturato e concentrato sulle necessità del cliente, in continuo cambiamento.

I servizi per gli intermediari

La piattaforma di RiskApp offre inoltre una serie di servizi digitali studiati per facilitare le operazioni degli intermediari assicurativi che lavorano con le piccole e medie imprese.

Grazie al programma Nat-Cat e Supply Chain, per esempio, gli intermediari che collaborano con RiskApp possono determinare in modo preliminare il livello di esposizione ai rischi causati dal cambiamento climatico – come incendi, inondazioni o alluvioni – a cui sono sottoposti gli elementi chiave delle attività dei clienti, come i fornitori che potrebbero tardare la consegna delle merci.

Altro servizio offerto da RiskApp è il “Cacciatore di dati”, una tecnologia proprietaria tramite cui gli intermediari possono raccogliere tutti i dati disponibili online sui loro clienti, dalle informazioni finanziarie alle notizie che lo citano. Il cliente viene quindi monitorato nel tempo, e al comparire di un elemento sospetto il motore di intelligenza artificiale identifica la causa e predispone degli alert per la gestione della criticità.

Ancora, RiskApp aiuta gli intermediari a valutare correttamente il valore dei beni da assicurare, e a gestire le operazioni di ispezione e sopralluogo, anche in modalità virtuale.

L’Insurance Advisor di RiskApp

Con la piattaforma Insurance Advisor sviluppata da RiskApp, poi, gli intermediari partner possono creare report di consulenza personalizzati per i propri clienti nel mondo delle PMI, individuando le criticità inerenti a varie tipologie di rischio tra cui incendio, furto, responsabilità civile e continuità operativa. L’obiettivo è permettere ai clienti di RiskApp di realizzare consulenze professionali nel minor tempo possibile.

Il software analizza i rischi attraverso questionari compilabili online, ed estrae poi le esigenze assicurative specifiche dell’azienda indicando motivi e specifiche. Il report riassuntivo, poi, presenta i risultati in ordine di priorità e consente agli intermediari – e poi ai loro clienti – di acquisire una visione del rischio aggiornata, completa e puntuale.

Grazie a RiskApp l’intermediario è quindi in grado di offrire al cliente una proposta economica per il trasferimento del rischio, da confrontare con i premi che l’azienda già spende per le sue coperture assicurative.

L’articolo RiskApp, la startup che aiuta le compagnie nell’analisi digitale dei rischi delle PMI proviene da InsuranceUp.


PMI e Assicurazioni: quale il futuro dopo la pandemia?

L’arrivo della pandemia di Covid-19 ha modificato profondamente il panorama assicurativo, italiano e non solo, portando cambiamenti destinati a rimanere anche una volta terminata la fase di emergenza sanitaria.

Come si è adattato, quindi, il mondo insurance dedicato alla piccole e medie imprese alle nuove necessità delle aziende e alla spinta data dalla trasformazione digitale? A questa domanda risponde il nuovo studio Il futuro delle assicurazioni per le PMI dopo la pandemia”, curato dalla società di consulenza Deloitte e condotto su 5.300 aziende di 14 Paesi, tra cui l’Italia, ma anche gli Stati Uniti, il Canada, la Svizzera e il Regno Unito.

La situazione delle PMI italiane

Secondo Deloitte, i due anni di emergenza Covid hanno portato le PMI, italiane e non, a una maggiore consapevolezza dei rischi. Anche per questo la domanda si è concentrata soprattutto su modelli di protezione basati su coperture mirate e su servizi di consulenza capaci di coprire tutte le sfaccettature dell’attività di impresa.

Complessivamente, le piccole e medie imprese italiane hanno dimostrato di avere un buon livello di copertura assicurativa: solo il 4% delle aziende non possiede alcuna copertura, in linea con la media del 2% rilevata nel campione internazionale.

Le polizze più diffuse sono quelle per le flotte di veicoli aziendali, sottoscritte dal 48% delle compagnie italiane intervistate (contro una media internazionale del 34%), seguite dalla business property insurance – quindi la protezione dai danni diretti ai fabbricati e al loro contenuto –; la responsabilità civile verso dipendenti, fornitori, clienti; le polizze contro gli attacchi informatici e infine quelle per l’eventuale interruzione della catena produttiva.

La spesa media delle PMI italiane nell’ambito assicurativo risulta però ben al di sotto della media internazionale: le nostre imprese investono circa 14 mila euro all’anno,  il dato più basso registrato nel campione internazionale, dove la media è pari a circa 23 mila euro. Le aziende che sostengono i costi più alti per coperture assicurative sono quelle irlandesi, che spendono 27 mila euro all’anno, seguite a breve distanza da Cina e Australia.

PMI e Assicurazioni 1

L’impatto della pandemia sulle PMI

Secondo i dati di Deloitte, nel corso della pandemia di Covid-19 una compagnia su cinque ha dichiarato di aver acquistato maggiori coperture assicurative, mentre un’azienda su tre non ha apportato modifiche significative e una su dieci ha acquistato meno coperture.

PMI e Assicurazioni 2

In futuro, le tipologie di polizze più richieste saranno innanzitutto quelle legate allo smart working, modalità di lavoro diventata predominante nel corso dell’emergenza sanitaria. Seguono le assicurazioni contro le interruzioni delle attività di produzione, la cyber insurance, le protezioni key-man (focalizzate su risorse specifiche presenti nell’azienda), quelle sulla responsabilità civile e infine sulla flotta aziendale.

PMI e Assicurazioni

PMI e assicurazioni: il focus sulla flessibilità e il ruolo della tecnologia

I repentini cambiamenti causati dall’emergenza sanitaria hanno messo in luce il ruolo della flessibilità in ambito assicurativo. Il 78% delle PMI italiane si mostra infatti favorevole a un modello flessibile di copertura assicurativa, che possa essere modificata nel corso dell’anno in base all’evoluzione di diversi fattori, come il numero  di dipendenti o di clienti e il valore del fatturato.

Per quanto riguarda invece il modello distributivo, la maggior parte delle aziende (58% di quelle italiane, 41% a livello internazionale) crede che il canale fisico sia destinato a rimanere centrale nel processo di acquisto delle coperture assicurative. Particolare importanza è data alla figura dell’intermediario, considerato essenziale nelle fasi di scelta assicurativa e nella gestione del bisogno di protezione.

La tecnologia entra in gioco soprattutto nelle fasi successive all’acquisto delle polizze, ad esempio per semplificare il processo di gestione della copertura, creare un nuovo canale per la denuncia dei sinistri e monitorare poi lo status della pratica.

Oltre il 90% delle PMI Italiane – un dato in linea con la media del campione – si dichiara disposta ad acquistare coperture e servizi assicurativi da operatori “non tradizionali”, come le grandi aziende tech, le associazioni di categoria e i provider digitali.

Secondo Deloitte, il forte interesse verso operatori “non tradizionali” per l’acquisto di coperture assicurative deve essere letto dal mondo insurance “come un’occasione importante per rivedere le logiche di sviluppo dell’offerta, valutando l’attivazione di partnership con questi operatori”, anche considerando l’elevata complessità tecnica di alcune tipologie di servizi richiesti.

L’articolo PMI e Assicurazioni: quale il futuro dopo la pandemia? proviene da InsuranceUp.