Cos’è la Smart Home: applicazioni e opportunità per le assicurazioni

Si definisce Smart Home l’insieme di applicazioni software e dispositivi connessi che rendono le abitazioni più sicure, sostenibili, confortevoli, sane. L’antenato di tutti i dispositivi Smart Home? Il telecomando della TV. Nei primi anni di esplosione della domotica erano molto in voga anche i telecomandi per le tapparelle delle finestre, ma era già ovvio che il potenziale di sviluppo fosse enorme. Bill Gates, la cui villa vicino a Seattle costruita circa 20 anni fa è ancora un ‘modello’, è un grande sostenitore della casa intelligente, in cui la tecnologia deve essere prima di tutto invisibile: per esempio, nella sua casa ogni ospite riceve una chiave elettronica che comunica costantemente la sua posizione al sistema, in modo che ogni ambiente reagisca in relazione alla sua presenza.
Oggi, nel post-Covid, la Smart Home può allargare il suo raggio d’azione e andare a occuparsi persino di salute: protagonisti in questa direzione saranno l’intelligenza artificiale, ma anche tutte quelle aziende di prodotti e servizi che sapranno integrarsi in un nuovo ecosistema, quello appunto della Smart Home.

Alcuni dati sul mercato Smart Home

Secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatorio Internet of Things della School of Management del Politecnico di Milano, la Smart Home vale in Italia 530 milioni di euro, con una crescita del 40% anno su anno. E’ un mercato in crescita, i cui albori si erano visti ai tempi della domotica, ma che negli ultimi anni ha ripreso grandissimo slancio grazie allo sviluppo della sensoristica, dell’internet delle cose e di un ecosistema di prodotti e servizi che permettono a questo settore di rispondere meglio a bisogni reali.
In tutto il mondo il mercato potenziale per le soluzioni Smart Home è enorme e anche in Italia c’è ancora strada da fare prima di parlare di vero boom, ma molti passi avanti si sono fatti negli ultimi due anni. Il 2018 è stato infatti l’anno di svolta per il settore Smart Home in Italia: non solo il mercato è cresciuto del 52% rispetto al 2017, ma sono finalmente arrivati i tanto attesi smart home speaker. Il 2019, con un ulteriore incremento del 40%, non ha fatto altro che confermare il fenomeno. Gli assistenti vocali intelligenti fungono anche da traino per l’intero settore, che ha visto un incremento nelle vendite di diversi oggetti smart per la casa.
L’Italia è comunque abbastanza indietro rispetto ad altri Paesi europei.

L’intelligenza artificiale  e le applicazioni per la casa intelligente

Come si vede in questo video che mostra il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg interagire nel quotidiano con il suo assistente personale Jarvis, che ha la voce di Morgan Freeman, la casa intelligente diventa quasi ‘viva’, ed è in grado di soddisfare e in alcuni casi prevedere i bisogni del suo proprietario.
Alla base di un’applicazione come quella di Facebook o degli Home speaker c’è l’intelligenza artificiale, la tecnologia determinante per lo sviluppo futuro della casa intelligente, un futuro in cui tale intelligenza sarà totalmente integrata nella casa stessa e la gestirà complessivamente. Gli home speaker saranno a quel punto superati, perché parleremo direttamente con l’appartamento.
Ma oggi, quali sono le applicazioni già disponibili?

Le soluzioni, prodotti e tecnologie, per la Smart Home sono sempre più numerosi e possono essere accorpati in alcune aree principali: comfort nelle abitazioni, salvaguardia dell’ambiente ed economia; sicurezza delle persone. In particolare nel mercato italiano si stanno diffondendo:

  • Climatizzazione/riscaldamento (condizionatori, termostati o caldaie regolabili a distanza o tramite App);
  • Elettrodomestici (accensione/spegnimento da remoto, tramite App o con la propria voce, di lavastoviglie, lavatrici, forni a microonde);
  • Illuminazione (accensione/spegnimento, regolazione del colore o dell’intensità tramite App o con la propria voce);
  • Sicurezza (impianti di videosorveglianza e videocitofonia con possibilità di accedere alle immagini a distanza e/o da Smart TV, serrature intelligenti che inviano allarmi in caso di intrusione);
  • Smart home speaker (dispositivi comandabili tramite voce che consentono di ricevere informazioni – es. sul meteo, sul traffico – e di impartire comando – es. regolare le luci o la temperatura).

Smart home speaker: il boom arriva con il coronavirus

Oltre alle mascherine e al distanziamento sociale, il Covid-19 ci ha regalato la paranoia da contatto. D’altro canto anche le raccomandazioni ufficiali suggerivano di lavare spesso le mani e pulire con maggiore accanimento del solito la casa e tutte le superfici. Improvvisamente, è stato subito evidente a chiunque l’utilità dei comandi vocali. Risultato?
Secondo ABI Research nei primi mesi del 2020, le vendite di dispositivi per il controllo vocale cresceranno a livello globale di quasi il 30% rispetto al 2019. Grazie agli home speaker potremo controllare Tv, interruttori della luce, termostati, maniglie delle porte e altro ancora. E magari potremo anche fare shopping online.

WEBINAR

AI e Data Analytics per aziende 4.0 a prova di attacco
Big Data
Intelligenza Artificiale

Tutto ciò se, oltre all’home speaker, avremo la pazienza di connettere allo stesso tutti gli altri dispositivi della casa e magari modernizzarli. Google Home e Alexa o il maggiordono Jarvis di Facebook, non funzionano per magia, hanno bisogno di essere connessi al ‘resto della casa’.

Smart home, sicurezza e privacy

Qualunque dispositivo digitale è esposto ad attacchi informatici. Con la crescita dei dispositivi connessi stanno crescendo anche le minacce dei cyber attack, ma al tempo stesso aumenta la consapevolezza e l’attenzione a questo tema da parte dei produttori e dei consumatori. La stessa crescita del mercato è legata a una percezione di sicurezza informatica: chi vuole vivere in una casa dove ogni dispositivo elettronico si blocca, le porte non si aprono più e il riscaldamento impazzisce?

Ma il tema non è solo questo, c’è anche la privacy da considerare.

Le soluzioni Smart Home raccolgono un’ingente mole di dati spesso con lo scopo di assolvere la loro funzione, pensiamo ai dispositivi per l’efficienza energetico; oppure per poter imparare e regalarci una migliore esperienza; spesso raccolgono nella nostra totale inconsapevolezza: esistono già molte polemiche sul fatto che gli assistenti di Amazon e Google siano in grado di spiarci.

Il GDPR è nato proprio per preservare la privacy delle persone, e pertanto le aziende operanti in Europa nel settore Smart Home devono dimostrare di essere conformi al GDPR e i soggetti che in futuro vorranno entrare nel mercato europeo dovranno rispettarne gli standard di sicurezza per poter vendere prodotti smart, in modo da garantire la sicurezza dei dati raccolti e trasmessi.

Sotto questo aspetto, anche le Assicurazioni che entreranno nella Smrt Home con le loro offerte, sono chiamate non solo alla compliance, ma una cultura etica del dato in cui la crescita del volume di dati raccolti faccia crescere anche il valore del servizio offerto al cliente finale.

Smart Home e Assicurazioni

Le assicurazioni possono giocare un ruolo da protagonisti nell’ecosistema della Smart Home. Tradizionalmente le assicurazioni si sono sempre occupate delle nostre case, offrendo copertura per una serie di infausti eventi (danni, furti, ecc) secondo lo schema tipico del risarcimento a danno avvenuto e accertato. La trasformazione digitale ha abilitato le compagnie assicurative a fare un salto qualitativo molto importante della propria value proposition, passando dalla semplice copertura del danno alla prevenzione dello stesso e alcune compagnie si sono già avviate in questa direzione.
Ma in futuro, c’è molto altro che si può fare.
Le assicurazioni possono essere il canale per rendere le nostre case più smart ed essere pioniere di servizi evoluti per la casa intesa non più solo come una ‘proprietà’ ma come spazio che accoglie l’intero lifestyle della persona, il suo rifugio.
Smart working, attività fisica e intrattenimento, telemedicina, e-learning sono i nuovi temi legati alla casa nati dalla quarantena, ma che rimarranno nel post-Covid. Sono temi che offrono alle assicurazioni nuovi spunti per la creazione di servizi innovativi e anche una diversa modalità di relazione con il cliente, la ‘smart home’ può essere un nuovo touchpoint.

Smart Home

Secondo gli analisti di McKinsey, quello della Smart Home sarà uno dei 4 ecosistemi tecnologici più importanti in futuro per le assicurazioni, quello in cui si potranno sviluppare maggiormente servizi innovativi, ad esempio, con riferimento alle tecnologie di Ambient Assisted Living, un settore che si collega poi alla connected health, particolarmente rilevante a causa dell’invecchiamento della popolazione e ora anche dei rischi connessi alle pandemie.

Le startup internazionali della Smart Home

Per le compagnie assicurative che vogliano intercettare il mercato della casa intelligente la strada più veloce si chiama ‘startup’.
In un clima di open innovation, le startup possono portare alle compagnie non solo la loro tecnologia, ma anche la cultura lean, la creatività e le loro competenze, ed è da questa sinergia che possono svilupparsi nuovi modelli di business.

Prendiamo ad esempio Josh.ai, una startup di Denver che ha raccolto recentemente un investimento da 11 milioni di dollari. E’ un’intelligenza artificiale a comando vocale, che non solo non ha paura di Alexa e Google Home, ma per differenziarsi fa leva proprio sul sentimento di rifiuto (sempre più diffuso in una certa fascia della popolazione) che le BigTech possono generare. Ogni difetto di Alexa (es. il trattamento dati e la privacy) è il valore aggiunto di Josh, che si rivolge al cliente di alta fascia.

Questa intelligenza artificiale è potenzialmente in grado di controllare qualsiasi altro dispositivo della casa, basta connettere e programmare. In più Josh capisce il linguaggio naturale molto bene ed è in grado di imparare con facilità, dice la società. Anche le domande complicate possono essere programmate senza sforzo, come ad esempio: “All’alba, se sono a casa, accendi lentamente le luci della camera da letto, apri le tende, accendi la radio e prepara una caffettiera”.
Ora, se ci fosse un partner assicurativo in questa relazione, Josh potrebbe rispondere “Mr. Stark, il suo sonno è stato parecchio disturbato, questa mattina la sua temperatura è alterata e la sua pressione alta, sarebbe meglio che lei bevesse un tè verde e rimanesse a casa. La sua assicurazione le propone un video consulto medico per le 9, accettiamo?’

Secondo CBInsights le startup Smart Home sono davvero variegate, ma possono essere raccolte in queste categorie:

Energia & Utenze: Sono aziende che utilizzano sensori, tecnologia di monitoraggio e dati per risparmiare acqua ed energia. Tra queste vi sono aziende come Tado, che ha creato un prodotto che rileva automaticamente la vicinanza di un utente alla residenza e regola la temperatura di conseguenza, con un controllo aggiuntivo dalla loro applicazione per smartphone.
Serrature intelligenti: Startup come August forniscono soluzioni alternative alle chiavi tradizionali con chiavi virtuali e altre serrature elettroniche. Alcuni prodotti di queste aziende consentono inoltre agli utenti di vedere e parlare con i visitatori a distanza.
Soluzioni generali per la casa intelligente: Invece di produrre un unico gadget intelligente, queste aziende costruiscono o distribuiscono sistemi multi-device che automatizzano diverse parti della vostra casa, come le soluzioni di sicurezza, meteorologiche, per la cura dell’aria e dell’energia e il monitoraggio di Netatmo o gli appartamenti intelligenti di IOTAS.
Cucina e elettrodomestici: Questi includono prodotti per la casa che funzionano come un elettrodomestico o un dispositivo convenzionale, ma che offrono vantaggi attraverso la connettività, come Innit, che sta attualmente sviluppando un sistema di cottura basato sull’apprendimento automatico e sensori ad alta tecnologia in grado di rilevare ciò che viene prodotto e di regolare il tempo di riscaldamento e di cottura in modo appropriato durante l’intero processo.
Robot domestici: In questa categoria rientrano le aziende che producono robot specifici per la manutenzione e l’assistenza in ambiente domestico. Tra queste vi sono l’assistente sociale robotico Jibo, e Rokid, un dispositivo per la casa intelligente che utilizza l’intelligenza artificiale e il deep learning per fornire informazioni ed eseguire compiti tramite interazioni vocali e visive.
Monitoraggio e sicurezza: Sono aziende che offrono sicurezza e monitoraggio all’interno o all’esterno attraverso telecamere installate per tenere d’occhio le case, i bambini, gli anziani e gli animali domestici. Tra le aziende presenti nello spazio ci sono Smartfrog e Ring.
Wi-Fi e Cybersecurity: Queste startup forniscono soluzioni Wi-Fi e cybersecurity per collegare e proteggere i dispositivi intelligenti all’interno della casa. Come CUJO, un firewall intelligente che protegge la casa di un utente connesso da hacker criminali, ed Eero e Starry, altre due aziende che offrono sistemi Wi-Fi domestici, che hanno raccolto copiosi investimenti.
Salute e benessere: Sono prodotti che aiutano gli occupanti della casa a mantenere la loro salute e il loro stile di vita, come Sleepace, un dispositivo intelligente non indossabile che può monitorare e aiutare a migliorare la qualità del sonno, o Awair, che rileva le sostanze irritanti nell’aria e nell’ambiente.
Sistemi di allarme: Queste aziende forniscono sistemi di allarme tradizionali dotati di monitor e sensori avanzati per rilevare incendi, inondazioni o altri danni alla proprietà e contribuire a proteggere la vostra casa. Un’azienda, Cocoon Labs, ha sviluppato un dispositivo di sicurezza intelligente per la casa che utilizza onde sonore a basso livello per rilevare e avvertire il proprietario di eventuali disturbi all’interno della casa.
Audio e media: Queste aziende forniscono soluzioni multimediali che vanno da un computer appeso per esporre arte decorativa (Electric Objects) a sistemi musicali wireless per tutta la casa (Sonos).
Piattaforme: Le aziende di questa categoria non producono i propri prodotti di consumo, ma aiutano gli altri a integrare l’IA e la connettività nei propri prodotti per la casa intelligente. Un esempio potrebbe essere Arrayent, che aiuta i principali marchi di consumo a trasformare i prodotti tradizionali in dispositivi connessi.
Illuminazione: Queste aziende forniscono soluzioni di illuminazione domestica come gli interruttori intelligenti (Deako) e le lampadine intelligenti (LIFX).
Varie: Le startup di questa categoria hanno offerte particolarmente uniche, come Uzer, un’azienda che ha sviluppato uno scanner di codici a barre per la casa intelligente che rende il riciclaggio più divertente ed efficiente, o Nucleus, un sistema di interfono collegato a Internet che aiuta le persone a comunicare con gli altri sullo stesso sistema.

Conclusioni

Un fatto certo è che oggi stiamo ancora parlando di tante singole soluzioni per la Smart Home ideale; ma la Smart Home vera e propria sarà quella in cui tutto sarà connesso e tutta la tecnologia sarà invisibile, sarà quella in cui un’unica intelligenza artificiale, magari integrata by design nella costruzione o magari fornita insieme a una super polizza onnicomprensiva, si prenderà cura dello spazio abitativo e dei suoi abitanti. Per arrivare fino a questo punto però serve costruire l’ecosistema, nessuna azienda può lavorare nella casa intelligente da sola.

WHITEPAPER

Quali sono i diversi approcci al Design Thinking e quali benefici producono?
CIO
Open Innovation

Scopri di più

[Photo credits: Designboom]

L’articolo Cos’è la Smart Home: applicazioni e opportunità per le assicurazioni proviene da InsuranceUp.


Jarvis, l’assistente virtuale per lo smart building che migliora sicurezza, efficienza, comfort

Le startup migliori, a volte, nascono quasi per caso, da un’esigenza riscontrata nella vita quotidiana o da un gap sul mercato. E a fondarle, spesso, sono persone che mai avrebbero pensato di reinventarsi imprenditori. È il caso di Iooota, startup innovativa fondata a Bologna nel 2015.

Finalista dell’edizione 2019 di Open-F@b Call4Ideas di BNP Paribas Cardif, dedicata alla Human Data Science, Iooota ha lanciato Jarvis, una sorta di maggiordomo virtuale per gli smart building. Una soluzione che potrebbe essere appetibile per le compagnie assicurative.

Iooota, come è nata la startup

Dietro la fondazione della startup c’è Luca Degli Esposti, 36 anni, bolognese. Laureato in marketing e comunicazione, esperto di interfacce e interazione uomo-macchina, Luca lavora negli anni per Yoox, La Perla, Max Mara, grandi brand per i quali cura la divisione digitale acquisendo una grande esperienza professionale nell’analisi di piattaforme online dedicate al marketing e all’ecommerce.

Alla fondazione di una startup che si occupa di smart building, però, Luca degli Esposti ci arriva a causa di un piccolo incidente: “Si è rotta la lavatrice e si è allagato l’appartamento” racconta il giovane imprenditore. “Avevo appena comprato casa, avevo tantissime spese e il mutuo, ci mancava solo la lavatrice” ricorda. Così per ridurre le spese e ottimizzare i tempi, decide di chiedere a un amico esperto di web se era possibile trovare una soluzione digitale in grado di controllare in tempo reale diverse componenti della casa, dagli elettrodomestici all’illuminazione. La risposta? Sul mercato non c’è nulla di simile e lui decide di lanciare una startup, Iooota, che viene fondata nel 2015 grazie a un investimento di DPixel, società di venture capital di Gianluca Dettori.

Jarvis, il maggiordomo virtuale per gli smart building

L’obiettivo di Iooota è rendere efficiente un edificio. Obiettivo raggiunto grazie alla realizzazione di Jarvis, piattaforma che “mette in relazione mondi diversi delle abitazioni, dal consumo energetico di diversi prodotti alla sicurezza degli ambienti al comfort” spiega Degli Esposti. Si tratta quindi di una soluzione IoT per lo smart building che abilita efficienza energetica, comfort, sicurezza e automazione con un solo punto di controllo e gestione, anche da remoto. E il nome della piattaforma non è casuale: “Jarvis è l’assistente virtuale di Iron Man, il suo maggiordomo in versione intelligenza artificiale. Il nome suggerisce proprio ciò che può fare la piattaforma, cioè un controllo puntuale su tutto ciò che sta accadendo nei propri ambienti, con diverse verticalizzazioni, dalla sicurezza, al comfort e al risparmio” continua il founder.

Il mercato di riferimento

Il mercato di riferimento di Jarvis è tra quelli con il più elevato potenziale di crescita prospettato dagli analisti: l’Internet of Things. Secondo l’Annual Internet Report di Cisco, entro il 2023 saranno 511 milioni i dispositivi connessi nel territorio nazionale, circa 8,5 per ogni abitante.
“Abbiamo scelto di entrare e percorrere il settore con il più alto potenziale, quello della Casa Intelligente che nel 2019 ha raggiunto solo in Italia un valore di 530 milioni di euro, con una crescita, secondo i dati dell’Osservatorio Internet of Things del Politecnico di Milano, del 40% rispetto al 2018. Anche il settore dello Smart Building e dell’efficientamento energetico sono target facilmente aggredibili con la nostra soluzione” assicura Luca Degli Esposti.

Il modello di business

Nato come servizio rivolto all’utente finale, “alla fine dell’anno scorso abbiamo deciso di puntare su un modello business oriented, non più rivolto solo al singolo consumatore ma a chi gestisce o ha in proprietà un building, dalla scuola al palazzo o al condominio, e che è sensibile all’efficientamento energetico” spiega l’imprenditore. “Se parliamo di B2B2C il modello di business prevede una piccola fee iniziale di one off più una fee mensile per ogni soluzione Jarvis attiva e funzionante: questo per il nostro partner rende il costo d’investimento iniziale molto limitato. Se invece parliamo di B2B, il modello di business è quello di una fee per l’analisi, l’installazione e il setup del progetto, oltre a una fee annuale, già comprensiva di manutenzione, aggiornamenti periodici, evoluzione e assistenza”.

La partecipazione a Open-F@b Call4Ideas 2019 e l’impatto di Iooota sulle assicurazioni

Come abbiamo già detto, Iooota è tra i finalisti di Open-F@b Call4Ideas 2019, call dedicata alla Human Data Science. “Un tema in linea con quello che fa Iooota: una sorta di scatola nera che tiene in considerazione tutti i dati che vengono generati dagli utenti nel loro quotidiano e negli edifici frequentati; questi vengono messi in comunicazione con l’assicurazione per valutare una polizza e il premio assicurativo” continua Degli Esposti.  Il founder sottolinea anche la componente human e l’impatto che un prodotto come Jarvis può avere sulle compagnie: “Ad oggi le compagnie si occupano più di risarcire il danno che di predire o evitare un problema. Con questa soluzione, l’assicurazione potrebbe prevedere le possibilità di rischio, riducendo la possibilità del danno e l’importo del premio assicurativo. In sostanza, Jarvis permetterebbe di ridurre i costi dell’assicurazione” specifica. C’è poi da tenere in considerazione l’effetto sul comportamento dell’utente: “Conoscendo i consumi del proprio ambiente, l’utente può migliorare le proprie abitudini riducendo gli sprechi, con un impatto positivo sull’ambiente e sulla vita di tutti” conclude il founder di Iooota.

L’articolo Jarvis, l’assistente virtuale per lo smart building che migliora sicurezza, efficienza, comfort proviene da InsuranceUp.


BeFreest, la startup che ha ideato il naso digitale che monitora la qualità dell’aria

Quando BeFreest ha deciso di partecipare all’edizione 2019 di Open-F@b Call4Ideas di BNP Paribas Cardif, classificandosi come finalista, l’ha fatto con una consapevolezza: “La qualità dell’aria che respiriamo può avere un impatto anche nel settore assicurativo” dice Fabio Cerino, founder della startup innovativa con sede a Taranto che si occupa di qualità dell’aria. E che, con un prodotto in particolare, Nose, vuole attirare l’interesse anche delle Compagnie.

La storia di BeFreest

Ingegnere, 51 anni, origini pugliesi, Fabio Cerino si definisce uno “startupper maturo”. E in effetti alle startup Cerino arriva in una seconda fase della sua vita. Nella prima, si laurea in ingegneria a Bologna e vive lì per 18 anni. Poi torna nella sua Taranto dove fonda Minerva, società di ingegneria che si occupa di efficienza energetica. La scintilla che farà scattare in lui l’idea di una startup risale al 2017 quando, sul palco del TEDX a Taranto, incontra Fabio D’Aniello: 43 anni, tarantino, Fabio ha un’altra società, Robotronix, attiva nell’ambito di prototipazioni nel settore meccatronico. Diventerà l’altro cofounder di BeFreest. Tra i due nasce un legame d’amicizia, oltre che professionale. E, insieme, decidono di dar vita a una nuova realtà che, da una parte, possa realizzare la vocazione innovativa di entrambi e, dall’altra, diventare una sorta di incubatore di idee innovative capaci di coinvolgere i giovani e avvicinarli all’innovazione.

BeFreest viene fondata nell’agosto del 2018 a Taranto, “con una procedura telematica della Camera di Commercio con la quale abbiamo speso solo 200 euro” racconta Fabio Cerino. Tra i progetti messi a punto dalla giovane impresa c’è Nose: “Si chiama così perché è un naso, respira con noi e rileva gli agenti inquinanti presenti nell’aria” racconta l’imprenditore. E, proprio questo, è il progetto presentato durante Open F@b Call4Ideas 2019.

Nose, il progetto finalista a Open F@b

Nose è un dispositivo progettato per valutare la qualità dell’aria negli ambienti chiusi. Si tratta di un multisensore in grado di misurare la presenza e la concentrazione di gas Radon (inquinante e cancerogeno), di CO2 e di TVOC, temperatura, umidità e pressione atmosferica, oltre ad altri componenti inquinanti (custom PM10 e PM2,5), negli ambienti in cui è installato. I dati raccolti in tempo reale, attrverso comunicazione protetta e dedicata via internet, sono raccolti in un apposito server cloud (hub) per la conservazione e la successiva elaborazione, consentendone la pubblicazione su apposita interfaccia web dedicata dalla quale è possibile scaricare report giornalieri, settimanali e mensili. Hub comanda, attraverso un’interfaccia di comunicazione e controllo, neuron, i dispositivi di ventilazione che, al raggiungimento di soglie di allarme presettate per ciascun inquinante, vengono attivati, con logica IoT, consentendo un corretto e controllato ricambio d’aria degli ambienti in cui è installato il sistema.

Il modello di business

“Il prototipo è stato realizzato sei mesi fa, ora stiamo producendo la seconda serie” continua il founder. E puntualizza: “Lo stiamo già fornendo e installando in diversi comuni e province pugliesi”. Il modello di business prevede la “fornitura del sistema di rilevazione in comodato d’uso, mentre gli apparati di ventilazione possono essere acquistati direttamente dal cliente. Al quale forniamo anche il monitoraggio continuo della qualità dell’aria dell’ambiente in cui vive e una reportistica da scaricare dal portale web. I dati raccolti vengono resi noti anche al sistema di controllo degli apparati di ventilazione che si accendono in caso di bisogno, cioè quando vengono superate le soglie degli agenti inquinanti”.

La call di Open F@b e l’impatto di Nose sulle assicurazioni

“È stato molto interessante partecipare alla call di Open F@b perché la qualità dell’aria incide sulla salute delle persone. Human data science (tema della call 2019, ndr) per noi ha significato proporre un sistema per dare informazioni sui luoghi in cui viviamo e su come questi luoghi possono incidere sulla salute” spiega Fabio Cerino. In tutto ciò c’è poi un’azione positiva: “Noi vogliamo migliorare la qualità dell’aria” dice. E questo potrebbe ingolosire le compagnie e le forme assicurative sui posti di lavoro. “È un po’ come la scatola nera che si mette sulle automobili: se metti la scatola nera ti abbasso il premio perché so cosa stai facendo. Nei luoghi di lavoro io potrei abbassare un premio assicurativo perché so che aria stai respirando, so qual è la qualità del luogo che stai vivendo. Quindi, se sei esposto ad agenti inquinanti il rischio di contrarre malattie è più elevato; al contrario se prevengo queste esposizione il rischio si abbatte”. Dunque, Nose potrebbe essere un prodotto da prendere in considerazione nel mondo assicurativo. “La call di open F@b è stata interessante proprio perché avvenuta all’interno di di questo settore. BNP Paribas Cardif è una grande compagnia. E spero che con questo importante player da gennaio possa aprirsi un confronto sulla nostra idea: perché la messa a disposizione di una mole di dati che interessa potenziali clienti può essere importante per studi di settore ma anche per calibrare proposte ad hoc per il mondo del lavoro” conclude l’imprenditore.

L’articolo BeFreest, la startup che ha ideato il naso digitale che monitora la qualità dell’aria proviene da InsuranceUp.


Midori, lo smart meter innovativo che può diventare la black box della casa

“I dati sono il petrolio del nuovo millennio. Ne avremo a disposizione una quantità sempre maggiore. E il vero problema, in futuro, non sarà il loro accesso, ma la loro analisi e comprensione. La differenza, però, la saprà fare solo chi metterà il fattore human al centro”. Christian Camarda ne è certo. “I dati ci aiutano a creare prodotti mirati ma se non mettiamo la persona al centro non c’è mercato e non c’è successo”. Torinese, 36 anni, ingegnere delle telecomunicazioni, Camarda è il Ceo di Midori, startup vincitrice della sesta edizione di Open-F@b Call4Ideas di BNP Paribas Cardif dedicata alla Human Data Science.

Midori, la pmi per un consumo energetico consapevole. La storia

Midori è una PMI innovativa nata nel 2011, ospitata dapprima all’interno dell’Incubatore I3P del Politecnico di Torino e dal 2018 con sede all’Energy Center del Politecnico di Torino. Si tratta di una società che realizza e vende servizi di analisi energetica e smart metering per fornire dati energetici precisi e di dettaglio. “L’idea è nata durante un master universitario a Torino dove ho incontrato colleghi che, come me, hanno la passione per l’efficienza energetica” racconta il founder della startup. “Insieme ad altri ingegneri ho iniziato a pensare alla possibilità di offrire alle persone strumenti più avanzati di quelli che erano (e che di fatto sono ancora) presenti sul mercato per un consumo consapevole dell’energia”. L’idea alla base dell’allora startup è chiara: realizzare soluzioni per far comprendere meglio a persone e aziende in che modo usano l’energia e come possono ridurre inutili sprechi. La consapevolezza è l’elemento che caratterizza ogni soluzione proposta da Midori, mentre la tecnologia e l’innovazione sono messe al servizio dell’individuo, parte attiva e responsabile di un nuovo modo di vivere sostenibile.

A Christian Camarda, si uniscono subito Awet Abraha Girmay (etiope, ingegnere delle telecomunicazioni), Davide Comba (senior developer, con esperienza nella programmazione web e mobile), Francesca De Santis (si occupa di comunicazione e clienti: “Abbiamo iniziato a vendere i prodotti e i feedback dei clienti sono fondamentali per noi” puntualizza Camarda), Virginia Vassallo (psicologa sociale, si occupa del design sociale del prodotto: l’analisi dei bisogni dei clienti si trasformano in funzionalità e servizi da inserire all’interno del prodotto).

Oggi questa pmi collabora con aziende del settore energetico come Iren, Liquigas, Repower, Evolvere e Domotica Labs, e ha saputo generare revenues sin dal primo anno di attività per una cifra complessiva di 1,2 milioni di euro, potendo autofinanziare così lo sviluppo delle sue tecnologie, frutto di un know-how accumulato in 7 anni di ricerca e sviluppo nel campo ICT.

Alla base di questo successo ci sono i prodotti realizzati da Midori, Kiui (il primo già lanciato sul mercato) e NED (il prodotto con cui la pmi ha vinto Open F@b).

Kiui, il primo prodotto di Midori (fratello maggiore di NED)

Kiui è una piattaforma web per il calcolo del profilo energetico di casa, pensato per essere integrato nei sistemi digitali di aziende di fornitura di energia elettrica e gas. Non serve hardware da installare. Tutto è sul web. Il funzionamento di Kiui si basa su un’intervista sull’abitazione analizzata e i dispositivi presenti e in pochi minuti viene generato un report dettagliato sui consumi di casa. In base al risultato del report, Kiui segnala come si possono ottimizzare i consumi di casa e limitare la spesa energetica, fornendo una simulazione dei consumi che si avrebbero adottando i suggerimenti di risparmio energetico. Kiui, infatti, fornisce una fotografia del consumo annuale degli elettrodomestici in kWh, Euro e kg di CO2; dati ad oggi sconosciuti perché nascosti all’interno del dato aggregato fornito dalla bolletta energetica. Grazie a questo prodotto, realizzato subito dopo la fondazione della startup, Midori avvia importanti collaborazioni con Repower, Liquigas, Iren ed Evolvere. “Con i ricavi ottenuti da queste partnership abbiamo lavorato su NED, il prodotto premiato a Open F@b” racconta Camarda.

NED, il primo smart meter Made in Italy che controlla i consumi degli elettrodomestici

NED è un dispositivo che permette di tenere sempre sotto controllo quanta energia consumano gli elettrodomestici di casa. Si connette contemporaneamente con tutti i dispositivi di casa, senza la necessità di installare numerosi, costosi e invasivi strumenti di misura. Oggi, infatti, il mercato del monitoraggio energetico offre soltanto soluzioni composte da strumenti di misura (Smart Plug) da collegare ad ogni elettrodomestico; questo significa alti costi per l’utente e l’impossibilità di installare le Plug in prossimità di elettrodomestici incassati o a muro. NED invece si collega facilmente al quadro elettrico di casa e tramite una sola app per smartphone permette di accedere a un’intera gamma di servizi, per scoprire il reale utilizzo dell’energia e imparare a risparmiare sulla bolletta fino al 20% ogni anno.

Come funziona NED

NED nasce da anni di ricerca e sviluppo nell’ambito del machine learning e del data analytics e il suo vero valore è negli algoritmi proprietari della piattaforma cloud di riconoscimento dei carichi elettrici. NED infatti analizza il consumo dell’appartamento catturato dal dispositivo di misura e ricerca le impronte elettriche che i principali elettrodomestici lasciano sul tracciato elettrico mentre sono in funzione, per scoprire quando vengono utilizzati e quanto consumano. Questo prodotto però è molto più di un semplice strumento di monitoraggio perché è in grado di segnalare consumi eccessivi ed anomalie elettriche, avvertire di possibili guasti degli elettrodomestici, suggerire tariffe energetiche più convenienti sul mercato o modelli più performanti di elettrodomestici.

“Il nostro obiettivo è rivoluzionare lo scenario della Smart Home applicata al settore energetico” puntualizza il CEO di Midori. “Grazie a NED saremo in grado di fornire a cittadini e aziende dati energetici precisi e di dettaglio, come quelli sui consumi degli elettrodomestici, fino ad oggi inaccessibili, ma fondamentali per conoscere come viene usata l’energia e comprendere quali azioni adottare per ridurre le emissioni e gli sprechi, oltre che il prezzo delle bollette”.

Il mercato di riferimento

Frigoriferi lasciati aperti o ghiacciati, lavatrici a mezzo carico, dispositivi obsoleti o malfunzionanti: ogni anno in Italia lo spreco energetico nel settore residenziale ammonta a oltre 4 miliardi di euro e di fatto 9 italiani su 10 dichiarano di non essere assolutamente consapevoli dei consumi dei propri elettrodomestici, né tanto meno di sapere come risparmiare ed evitare inutili sprechi. “NED nasce per rispondere a questa esigenza e rendere i cittadini sempre più green” continua il Ceo. Insieme a Sicurezza e Riscaldamento, le soluzioni per la gestione degli elettrodomestici trainano il mercato italiano dei servizi Smart Home rivolti a cittadini ed aziende, che nel 2017 nel nostro Paese valeva 250 milioni di euro (+35% rispetto al 2016). NED si inserisce in uno dei settori di maggiore interesse all’interno di un mercato in rapida ascesa, il cui valore atteso a livello europeo entro il 2020 è pari a 15 miliardi di euro.

Il modello di business

Il modello di business è B2B: “Vogliamo coinvolgere partner come utilities, ma anche assicurazioni e banche. Questi 3 player potranno proporre NED alla loro clientela” spiega Camarda. “Ad esempio l’assicurazione può essere interessata a dare ai propri clienti quella che noi definiamo la scatola nera della casa, un servizio di efficientamento energetico: è anche uno strumento utile all’assicuratore per comprendere meglio le necessità dei propri clienti, aumentando il valore della loro offerta” continua il Ceo. Che è anche al lavoro con una utility piemontese per l’installazione e la prova di mille NED. “Verranno installati l’anno prossimo e si sta creando una partnership con loro per poter rinnovare questo ordine” spiega. Inoltre, “ne abbiamo venduti 200 sul nostro e-commerce: costa 249 euro, inclusi il sensore di misura, l’accesso all’app, il servizio di monitoraggio e di efficientamento elettrico, e tutti gli aggiornamenti software dell’app sono compresi nel prezzo”.

Presto, però, Camarda e il suo team sperano di trovare accordi con i fornitori di energia elettrica e gas: “Immaginate che bello se un giorno il vostro fornitore possa consegnarvi non solo una bolletta, ma anche uno strumento che vi permetta di risparmiare soldi ed energia. Questo è il futuro che sogniamo”.

Al momento la pmi è concentrata solo sul mercato italiano. “È un contesto interessante – continua Camarda – Noi italiani siamo sensibili ai temi energetici. Inoltre nel nostro Paese ci sono circa 700 rivenditori di energia elettrica, realtà di medie e piccole dimensioni ma molto forti a livello territoriale. Crediamo sia un Paese interessante sul quale puntare”.

La vittoria della di Open F@b call4ideas di BNP Paribas Cardif

“Iniziative come quelle di Open F@b sono una grande occasione per le startup perché permettono di avere una vetrina difficilmente raggiungibile seguendo il classico iter commerciale” dice il Ceo. E ci anticipa: “Hanno mostrato interesse verso il nostro prodotto; nelle prossime settimane ci incontreremo per poter aprire dei tavoli di lavoro e ci auguriamo di poter lanciare dei progetti pilota sulla loro clientela e avviare una partnership con loro”.

L’articolo Midori, lo smart meter innovativo che può diventare la black box della casa proviene da InsuranceUp.


La Call for Innovation MIA – Miss in Action, il programma che supporta le imprese femminili

Nella sua prima edizione sono state Bestest, InTribe, Transactionale, WorkWideWomen le startup fondate da donne che si sono aggiudicate la partecipazione al primo percorso di accelerazione italiano dedicato a startup e pmi innovative al femminile promosso da Digital Magics con BNP Paribas.

MIA – Miss In Action, così si chiama questo programma di supporrto all’imprenditorialità femminile,  è stato rilanciato anche quest’anno: fino a febbraio 2020 sarà possibile candidarsi facendo l’application online sul sito dedicato: www.missinaction.it. La Call è destinata esclusivamente a startup e PMI italiane composte da un team con prevalenza femminile.

Il ventaglio di settori d’interesse è piuttosto ampio e comprende smart home, smart mobility, open banking, CSR, welfare, well-being, insurtech, banking, investments, real estate e fintech; a livello di tecnologie il focus è su analytics, intelligenza artificiale, cloud, machine learning, blockchain, smart data.

Tra tutte le candidature ricevute entro il 2 febbraio 2020, verranno selezionate 10 startup innovative e tecnologiche, che avranno la possibilità di presentare i loro progetti, durante la giornata dell’Innovation Day del 3 marzo 2020, nell’ambito della quale una commissione, composta da Digital Magics, dal Gruppo BNP Paribas e da una giuria di eccellenza tutta al femminile di top manager, imprenditrici e business angels, sceglierà le 3 migliori startup che avranno accesso al Programma di Accelerazione e le supporterà nell’execution della loro idea fino al “go to market”.

Programma di accelerazione

Il percorso di accelerazione, che si svolgerà a Milano presso Digital Magics, prevede come primo step un’approfondita fase di assessment per accompagnare al meglio le startup nel loro percorso di crescita. Successivamente verranno concordati dei KPI che dovranno essere raggiunti dalle startup con il supporto di un team di esperti. Tali KPI verranno pianificati con l’obiettivo di consolidare il modello di business e la tecnologia utilizzata per l’erogazione del servizio o del prodotto.

Verrà inoltre creato un programma formativo articolato in workshop di mezza giornata su aree tematiche utili allo sviluppo delle startup selezionate per il percorso di accelerazione. Successivamente alla fase di accelerazione è prevista la fase di MVP. Durante questa seconda fase, le startup lavoreranno direttamente con il Gruppo BNP Paribas, con l’obiettivo di sviluppare un prototipo di servizio e/o prodotto che potrà eventualmente essere integrato nell’offerta del Gruppo BNP Paribas. Al termine del programma di accelerazione vi sarà un evento finale per presentare i progetti realizzati.

Le startup interessate possono candidarsi qui: www.missinaction.it.

L’articolo La Call for Innovation MIA – Miss in Action, il programma che supporta le imprese femminili proviene da InsuranceUp.


Hippo, la società insurtech US delle polizze casa, diventa un unicorno

E’ nata in California dall’iniziativa di due imprenditori seriali di orgini israeliane e sta rivoluzionando il mercato delle polizze casa, rivolgendosi con le sue proposte ai consumatori finali. Il suo modello di business, basato su un uso di diverse tecnologie integrate, le ha permesso di conquistare grossi finanziatori lungo il suo percorso e recentemente di chiudere un round da 100 milioni di dollari, che hanno portato la sua valutazione a oltre miliardo, accreditandola nel Club degli unicorni (società innovative valutate oltre il miliardo di dollari) che include già realtà come Clover, Lemonade, Zenefits, Oscar Health, Root Insurance.

Cosa fa Hippo

Sensori collegati a Internet, immagini satellitari, automazione, big data: Hippo ha sviluppato un sistema di tecnologie integrate per offrire ai proprietari di case polizze assicurative migliori (e idealmente più economiche). L’azienda facilita il processo di sottoscrizione dei potenziali clienti compilando automaticamente le risposte ai questionari utilizzando open data pubblici. Tiene sotto controllo le estensioni delle proprietà dei clienti, come nuove piscine o ponti, utilizzando la fotografia aerea. E, in collaborazione con Comcast, che è anche uno dei suoi investitori, mette a disposizione gratuitamente kit di sensori collegati a Internet per aiutare i clienti a prevenire i danni causati da inondazioni, incendi, intrusioni e altri disastri.

Consente ai proprietari di ottenere un preventivo in 60 secondi, acquistare online velocemente e a costi contenuti un’assicurazione sulla casa e ottenere una polizza smart home, che  include la protezione di beni come elettrodomestici, elettronica di consumo, computer e altre attrezzature di uffici domestici.
Oltre ai suoi partner diretti dell’industria assicurativa, Hippo ha costruito una vasta rete di distribuzione di partner, tra cui costruttori di case come Lennar, finanziatori come Better.com, assicuratori proprietari di case come First American Property & Casualty Insurance Company e marchi chiave all’interno della Connected Home come Xfinity.

Con la sua formula assicurativa (che segue il concetto della preventive insurance), e la nuova iniziezione di capitali, è pronta a coprire l’80% del mercato statunitense dei proprietari di immobili.

“Abbiamo lanciato Hippo per trasformare l’ormai superato e spesso frustrante rapporto che le persone hanno con la loro assicurazione casa, rendendolo più accessibile, moderno, e che offre sempre un valore aggiunto”, ha detto Assaf Wand, co-fondatore e CEO di Hippo, in una nota stampa. “Non solo oltre il 60% dei proprietari di case statunitensi è sottoassicurato, ma l’assicurazione tradizionale interagisce con loro solo in occasione di una richiesta di risarcimento. Stiamo fornendo polizze più complete e aiutando i clienti a prevenire i sinistri attraverso servizi di protezione, programmi e avvisi che salvaguardano la loro casa, il più grande bene personale di una famiglia”.

“Hippo è risultata essere una delle aziende a più alta crescita che abbiamo visto tra i suoi omologhi assicurativi e più in generale in ambito FinTech”, ha detto Noah Knauf, general partner di Bond, uno dei fondi d’investimento coinvolti. “Il team di Hippo è di livello mondiale e siamo entusiasti di collaborare con loro per costruire la compagnia assicurativa di nuova generazione”.

Al momento Hippo è in realtà un nuovo modello di broker assicurativo, le sue polizze sono sottoscritte da Topa Insurance, Spinnaker Insurance e Canopius Insurance, a loro volta riassicurate con colossi dell’industria.

Hippo, esempio vincente di startup smart home

Lo sviluppo del mercato smart home abbiamo spesso indicato come possa trovare slancio grazie al coinvolgimento dell’industria assicurativa, che utilizzando  dispositivi connessi e big data può oggi offrire nuovi servizi e nuove formule assicurative, più vicine al cliente sul fronte della prevenzione dei danni, prima ancora che sulla riparazione.

Hippo è un esempio vincente della nuova frontiera di digital home insurance, ‘proattiva, non reattiva’ come loro stessi affermano: con i dispositivi smart home, nel suo caso kit di sensori Comcast oltre a dispositivi di altri partner, permette ai proprietari di rendere la casa più sicura e prevenire danni; di ottenere copertura non solo per i danni più tradizionali, ma per quelli legati a un moderno lifestyle, ad esempio quelli relativi ad attrezzature da ufficio o i costi del ripristino di una linea telefonica/internet per chi lavora da casa; offre polizze anche contro rischi di catastrofi naturali come i terremoti, alluvioni, forti venti.

“L’adozione della smart home è alla base di un cambiamento necessario nell’assicurazione sulla casa”, ha detto Yuval Harry, capo delle partnership a Hippo Insurance, in una nota stampa . “Il nostro focus sulla preventive insurance si traduce nel permettere a a tutti i nostri clienti di proteggere meglio le loro case prima che il danno si verifichi e fornire loro le soluzioni domestiche smart che aiutano il raggiungimento di questo obiettivo è una delle nostre priorità.”

L’articolo Hippo, la società insurtech US delle polizze casa, diventa un unicorno proviene da InsuranceUp.


Amazon potrebbe diventare un broker delle assicurazioni casa

Segnali di fumo al mondo assicurativo Amazon ne sta facendo da tempo: già nel 2016, come avevamo scritto qui, Amazon.co.uk aveva lanciato Amazon Protect, una polizza contro danni accidentali, guasti, furti degli oggetti (dalla lavatrice al telefonino) acquistati attraverso la stessa piattaforma di ecommerce, polizza realizzata in collaborazione con The Warranty Group, una polizza caratterizzata da una totale integrazione nel processo di acquisto dei prodotti sulla piattaforma da essere assolutamente seamless e ‘indolore’ per il cliente, il massimo in termini di customer experience.

Nel 2018 ha acquisito Acko, una startup insurtech indiana, una compagnia assicurativa vera e propria, digital-first, che punta sull’offerta di polizze low-cost ma altamente personalizzate, in un mercato enorme e in cui il business assicurativo cresce, sostenuto da iniziative pubbliche.

Sempre nel 2018, Amazon ha stretto una partnership con Berkshire Hathaway, la Compagnia di Warren Buffet, e  JPMorgan Chase & Co. volta a offrire una polizza per un’assistenza sanitaria semplice, di alta qualità e trasparente, a costi ragionevoli, ai loro dipendenti statunitensi, progettata per migliorare la soddisfazione dei dipendenti e ridurre i costi; e un’altra partnership con la Compagnia statunitense Travelers per l’offerta di prodotti smart home, e collegata polizza, attraverso il marketplace Amazon.

Certamente, la smart home è un nuovo ecosistema di sviluppo del business in cui ci sta dentro benissimo anche una polizza.

Per la società di consulenza CB Insights, l’industria assicurativa è uno dei settori in cui nei prossimi anni porterà disruption: la spiegazione è in breve che può farlo.

CB Insights ha osservato che l’azienda ha un vantaggio competitivo rispetto alle startup insurtech grazie alla sua larga clientela fedele e all’ampia gamma di prodotti esistenti, il che significa che l’aggiunta di un’assicurazione costituirebbe solo un cambiamento delle user experience di lieve entità.

CB Insights ha osservato che l’azienda ha un vantaggio competitivo rispetto alle start-up insurtech grazie alla vasta clientela fedele e alla vasta gamma di prodotti esistenti, il che significa che l’aggiunta di un’assicurazione costituirebbe solo un cambiamento della user experience di lieve entità.

Per quanto riguarda la distribuzione, Amazon potrebbe semplicemente applicare alle compagnie assicurative tradizionali una consistente commissione per re-indirizzare i clienti, come ha già fatto con il Warranty Group, che assicura Amazon Protect nel Regno Unito.

Il marchio forte di Amazon e la fiducia dei clienti potrebbe renderla un’opzione molto interessante per i consumatori alla ricerca di un’offerta assicurativa maggiormente soddisfacente.

L’articolo Amazon potrebbe diventare un broker delle assicurazioni casa proviene da InsuranceUp.


Amazon potrebbe diventare un broker delle assicurazioni casa

Segnali di fumo al mondo assicurativo Amazon ne sta facendo da tempo: già nel 2016, come avevamo scritto qui, Amazon.co.uk aveva lanciato Amazon Protect, una polizza contro danni accidentali, guasti, furti degli oggetti (dalla lavatrice al telefonino) acquistati attraverso la stessa piattaforma di ecommerce, polizza realizzata in collaborazione con The Warranty Group, una polizza caratterizzata da una totale integrazione nel processo di acquisto dei prodotti sulla piattaforma da essere assolutamente seamless e ‘indolore’ per il cliente, il massimo in termini di customer experience.

Nel 2018 ha acquisito Acko, una startup insurtech indiana, una compagnia assicurativa vera e propria, digital-first, che punta sull’offerta di polizze low-cost ma altamente personalizzate, in un mercato enorme e in cui il business assicurativo cresce, sostenuto da iniziative pubbliche.

Sempre nel 2018, Amazon ha stretto una partnership con Berkshire Hathaway, la Compagnia di Warren Buffet, e  JPMorgan Chase & Co. volta a offrire una polizza per un’assistenza sanitaria semplice, di alta qualità e trasparente, a costi ragionevoli, ai loro dipendenti statunitensi, progettata per migliorare la soddisfazione dei dipendenti e ridurre i costi; e un’altra partnership con la Compagnia statunitense Travelers per l’offerta di prodotti smart home, e collegata polizza, attraverso il marketplace Amazon.

Certamente, la smart home è un nuovo ecosistema di sviluppo del business in cui ci sta dentro benissimo anche una polizza.

Per la società di consulenza CB Insights, l’industria assicurativa è uno dei settori in cui nei prossimi anni porterà disruption: la spiegazione è in breve che può farlo.

CB Insights ha osservato che l’azienda ha un vantaggio competitivo rispetto alle startup insurtech grazie alla sua larga clientela fedele e all’ampia gamma di prodotti esistenti, il che significa che l’aggiunta di un’assicurazione costituirebbe solo un cambiamento delle user experience di lieve entità.

CB Insights ha osservato che l’azienda ha un vantaggio competitivo rispetto alle start-up insurtech grazie alla vasta clientela fedele e alla vasta gamma di prodotti esistenti, il che significa che l’aggiunta di un’assicurazione costituirebbe solo un cambiamento della user experience di lieve entità.

Per quanto riguarda la distribuzione, Amazon potrebbe semplicemente applicare alle compagnie assicurative tradizionali una consistente commissione per re-indirizzare i clienti, come ha già fatto con il Warranty Group, che assicura Amazon Protect nel Regno Unito.

Il marchio forte di Amazon e la fiducia dei clienti potrebbe renderla un’opzione molto interessante per i consumatori alla ricerca di un’offerta assicurativa maggiormente soddisfacente.

L’articolo Amazon potrebbe diventare un broker delle assicurazioni casa proviene da InsuranceUp.


Auto connessa, perché il mercato è destinato a crescere ancora

Nel 2018, il mercato Internet of Things (IoT) in Italia è arrivato a toccare i 5 miliardi di euro, con una crescita del +35% rispetto al 2017. Più della metà del fatturato IoT continua a essere generato dai contatori gas ed elettrici e dalle auto connesse. La Smart Car da soddisfazione, con un mercato che supera di poco il miliardo di euro (21%, +37% rispetto al 2017), e può contare su 14 milioni di veicoli connessi a fine 2018, oltre un terzo del parco circolante in Italia.

A prevalere in termini di di diffusione sono i box GPS/GPRS per la localizzazione e la registrazione dei parametri di guida con nalità assicurative (69%, +14% nel 2018), sul mercato ormai da molti anni, ma la crescita è trainata principalmente dalle auto nativamente connesse (31%, +69% nel 2018): il 70% dei veicoli immatricolati nel 2018 è dotato di sistema di connessione tramite SIM o bluetooth fin dalla fase di produzione. Dall’altro lato troviamo le soluzioni di Smart Logistics a supporto del trasporto (465 milioni di euro, +29%), utilizzate per la gestione delle otte aziendali e di antifurti satellitari (a ne 2018 si registrano 1,5 milioni di mezzi per il trasporto merci connessi tramite SIM).

Il trend e i fattori che influenza il mercato

L’Osservatorio Internet of Things del Politecnico di Milano sostiene che il mercato dell’auto connessa continuerà a crescere ed essere uno dei pilastri della crescita IoT in Italia, anche perché alcuni fattori giocano a suo favore. Per esempio,  l’entrata in vigore – a marzo 2018 – dell’obbligo normativo legato all’eCall farà vedere i suoi frutti nei prossimi anni, perché riguarda le nuove omologazioni e non le semplici immatricolazioni di veicoli già sul mercato. Inoltre, tutti i produttori di auto si sentono oramai più sicuri in questo mercato potendo contare sulla componente hardware già installata in fase di produzione e sono in grado di puntare sui servizi abilitati dalla connettività come differenziale competitivo, fattore importante in un mercato ormai molto maturo come quello dell’auto: manutenzione preventiva/predittiva basata sul monitoraggio dei componenti, fornitura di consigli per ridurre il consumo di carburante, possibilità di gestire l’apertura o la regolazione della temperatura dell’auto da remoto sono alcuni esempi dei servizi offerti.

Effettivamente, osservando dal punto di vista del consumatore la proposta di servizi innovativi, legati alla connettività, in ambito auto è molto più chiara da comprendere, contrariamente a quanto avviene in ambito smart home, dove ancora molti servizi non hanno, o non sono percepiti, come reale valore dalle persone.

Aggiungiamo, inoltre, che anche altre disposizioni di legge potrebbero influenzare il settore, come abbiamo raccontato in questo articolo, la stessa black box potrebbe diventare obbligatoria entro il 2022 in tutta Europa: obiettivo è rendere le strade più sicure, ma è chiaro che la scatola nera è un dispositivo che si presta a molteplici utilizzi.

Per l’Osservatorio, un ulteriore stimolo all’innovazione sarà dato nei prossimi mesi dalla crescente integrazione degli smart speaker nelle auto, consentendo agli utenti di interagire con l’auto tramite la voce. In questo ambito, determinante sarà (come successo anche nel mercato smart home) il ruolo delle big tech: Amazon sta puntando sull’utilizzo di un dispositivo fisico, Echo Auto, che può essere acquistato e installato sulle auto già in circolazione e che progressivamente sta iniziando a essere integrato in alcuni Paesi in diversi modelli di auto. Simile strategia per Google, che sta anche esplorando la strada dell’integrazione con dispositivi e asset con cui l’auto interagisce, come ad esempio le colonnine di ricarica per le auto elettriche. L’auto a guida autonoma per il momento può attendere: siamo ancora in fase sperimentale e in Italia solo Modena e Torino sono tra le prime città che, nel corso del 2018, hanno permesso alle aziende di iniziare a testare anche in Italia queste soluzioni.

L’opportunità ‘smart car’ per il mercato assicurativo

Per il settore assicurativo, la crescita del mercato smart car è una buona notizia, ed è arrivato il momento di pensare a nuovi servizi e nuovi modelli di polizza: auto connessa significa “dati” e i dati forniscono nuovi elementi per la definizione di rischio, prezzi, modelli di business. Non è un caso che alcune dei principali casi di startup insurtech di successo, come Metromile e Cuvva, siano proprio dei disruptor delle polizze auto.

Secondo McKinsey, l’aumento delle applicazioni per l’auto connessa sta creando un ecosistema digitale completamente nuovo intorno all’auto, che comprende non solo gli OEM automobilistici, ma gli operatori di telecomunicazioni, i produttori di sensori e chip, gli operatori di piattaforme digitali come Uber, gli istituti di ricerca, i centri di standardizzazione e, naturalmente, gli assicuratori.

Le auto connesse consentono alle Compagnie una determinazione dei rischi più precisa. Gli assicuratori del settore auto, ad esempio, hanno sempre fatto affidamento su indicatori indiretti, come l’età, l’indirizzo e la solvibilità di un conducente, per la determinazione dei premi. Ora sono disponibili dati sul comportamento del conducente e sull’utilizzo di un veicolo, come la velocità di guida e la frequenza di guida notturna.

Un altro aspetto positivo è che le auto connesse consentono agli assicuratori di interagire più frequentemente con i propri clienti e di offrire nuovi servizi sulla base dei dati raccolti. Attualmente, spesso nella relazione con l’assicurato l’unico touchpoint è rappresentato da agenti o broker e limitato ai momenti del rinnovo contrattuale e della gestione del sinistro.

Ma non solo. Sebbene molte funzionalità dell’auto connessa siano indirizzate a diminuire la frequenza dei sinistri, tutta la tecnologia a bordo del veicolo, come i sensori, farà lievitare l’importo medio dei sinistri, per gli elevati costi di riparazione, dice McKinsey. Un rischio che potrebbe indurre le Compagnie ad aumentare i premi: ma già qui, una più scrupolosa differenziazione tra clienti ad alto e basso rischio consentita dai dati aggiuntivi ottenuti dal nuovo ecosistema, permette una maggiore personalizzazione della polizza ‘meritocratica’ sulla base della profilazione senza ricorrere ad aumentare le tariffe per gli automobilisti ad alto rischio. Inoltre, le Compagnie possono individuare nuove strade per compensare la ‘perdita’ riducendo la spesa per i sinistri attraverso una selezione del rischio ottimizzata: con una lotta più efficace alle frodi, l’aumento dell’uso di officine di riparazione alleate e l’offerta di assistenza e servizi smart, come segnalare agli automobilisti gli interventi di manutenzione necessari o individuare soluzioni di parcheggio intelligenti. Gli assicuratori possono anche vendere i loro dati e le loro soluzioni di analisi a terzi, come le agenzie mediatiche che si concentrano sulla pubblicità basata sulla localizzazione.

Insomma, la tecnologia hardware c’è: la partita si sposta tutta su come utilizzarla creando valore e servizi smart.

L’articolo Auto connessa, perché il mercato è destinato a crescere ancora proviene da InsuranceUp.


Se Milano diventasse il laboratorio dell’insurtech per le smart city

All’Intelligenza Urbana è stata dedicata la Milano Digital Week appena conclusa. Un bel concetto, quello di intelligenza urbana, che lascia intravvedere nuove opportunità anche per le compagnie di assicurazione. Si è parlato molto di tutto ciò che è e può diventare sempre più smart, dalla casa alla città, dal lavoro alla mobilità , grazie all’impatto della diffusione delle tecnologie e all’impiego sempre più…intelligente dei dati che le connessioni tra persone e persone, tra persone e oggetti e tra oggetti e oggetti producono e produrranno in quantità sempre crescente. Con i dati sono tante le cose che un player assicurativo può fare. E Milano potrebbe diventare centro propulsore.

La smart city con tutte le sue declinazioni è la cornice più eccitante e promettente per chiunque oggi voglia fare innovazione, con effetti dirompenti su molti modelli di business, compreso quello dell’industria assicurativa. Milano è un’eccellenza in Italia su questo fronte, ma l’Italia non è ancora un’eccellenza nel mondo. Per diverse ragioni che qui sarebbe lungo ricordare.

Un report presentato da Roland Berger proprio durante la Milano Digital Week dice che le smart city top nel mondo, secondo uno Strategic Index elaborato dalla società di consulenza, sono tre su 153 analizzate a livello globale: Londra, Vienna e St. Albert in Canada. Tutte le altre hanno ampi margini di miglioramento.

Come si valuta una smart city? Dalla combinazione virtuosa di tre fattori: visione strategica, capacità di esecuzione, presenza di infrastrutture evolute. Quindi, ben venga l’ormai celebre 5G ma servirà a poco senza le giuste visioni e ancora di più la capacità di tradurle correttamente in azioni e attività coerenti. La responsabilità è collettiva, delle amministrazioni pubbliche come anche delle aziende private, degli operatori infrastrutturali e dei grandi abilitatori culturali fino ai cittadini che saranno allo stesso tempo protagonisti e clienti della città intelligente. In estrema sintesi: non c’è smart city possibile senza un ecosistema capace di estrarre valore dall’uso delle tecnologie digitali.

In questo ecosistema un ruolo importante possono e devono giocare le compagnie di assicurazione, per almeno tre diverse ragioni: 1. l’uso strategico dei dati prodotti dalle comunità connesse permette l’attivazione di servizi fino a oggi impensabili in ambiti ben conosciuti come la salute e la mobilità; 2. l’aumento dell’intelligenza digitale fa nascere  nuove esigenze e nuove domande di protezione e prevenzione; 3. la molteplicità di fonti di dati apre la strada a newcomer che certamente andranno a invadere il perimetro tradizionale delle compagnie.

La smart city, in tutte le sue espressioni, è quindi una sfida e un’opportunità per i grandi player del mercato assicurativo. Per affrontarla va velocemente sposata la logica dell’ecosistema. Il report Roland Berger propone una serie di case history: a Xuhui, distretto di Shanghai, la PA ha giocato un ruolo di catalizzatore ma con Huawei; a Barcellona il Comune ha siglato una partnership con Tunstall, che utilizzando i dati pubblici fornisce un servizio di teleassistenza ai cittadini; Vienna si segnala per un programma di servizi innovativi di e-Health. Milano, suggerisce Roland Berger, potrebbe giocarsi la sua partita grazie all’insurtech e alle compagnie di assicurazione.Per esempio attraverso le blackbox si potrebbero raccogliere le informazioni sulle buche del manto stradale e offrire così servizi sia ai cittadini sia all’amministrazione pubblica. Questo sarebbe già possibile con un’azione di “rete”. Ma sono ben altre le prospettive suggerite dalle esperienze internazionali. Solo due esempi: l’uso dei dati di mobilità nelle città potrebbe permettere alle compagnie di offrire servizi assicurativi on demand; proposte di prevenzione personalizzate avrebbero il duplice effetto di ottimizzare la spesa del servizio sanitario pubblico e migliorare la qualità della vita del cittadino. Il futuro delle assicurazioni e dell’insurtech passa anche attraverso le smart city.

L’articolo Se Milano diventasse il laboratorio dell’insurtech per le smart city proviene da InsuranceUp.