Tutte le startup protagoniste della Digital Battle

Il Next Normal è stata la sfida lanciata quest’anno da BNP Paribas Cardif nella Call4Ideas Open-F@b, giunta alla settima edizione. Dopo aver chiuso la call il 30 settembre scorso, 20 startup sono state selezionate da parte di un Comitato costituito da executive del Gruppo BNP Paribas e di BNP Paribas Cardif, da professionisti universitari nell’ambito delle tecnologie digitali e da esperti e si sono affrontate nella Digital Battle, svoltasi nelle scorse settimane.

Ecco le 20 startup protagoniste della seconda fase del contest, in grassetto sono evidenziate le 10 che sono passate alla fase successiva, ovvero la finale.

Bitlean

Bitlean è una startup specializzata nello sviluppo tecnologico e nuovi canali di comunicazione, fondata a novembre 2019 da persone di grande esperienza nel settore IT, soprattutto nel comparto Banking & Finance. Bitlean ha realizzato Holistic Canvas, una piattaforma altamente ingegnerizzata che consente lo sviluppo di BOT e CHATBOT in modo rapido, economico e di qualità. La struttura modulare ospita un motore di calcolo per algoritmi matematici e statistici in Intelligenza Artificiale e un componente, chiamato Virtual Box, per l’integrazione con i sistemi informativi di ogni tipo di azienda. Con Holistic Canvas è possibile realizzare applicazioni alternative alle APP con tempi e costi inferiori del 50% in media. Ad oggi Bitlean ha realizzato oltre 90 funzioni per una dozzina di CHATBOT, compreso T-Assicura per il mercato Insurance.

Blockchain Italia

Blockchain Italia è una startup innovativa con sede a Milano, Venezia e Madrid specializzata nella digitalizzazione e ottimizzazione dei processi tramite blockchain e protocolli informatici decentralizzati. Grazie alla eterogeneità del suo team, Blockchain Italia è operativa sul mercato da oltre 2 anni con diversi prodotti innovativi, come Dedit – la chiave di accesso per liberi professionisti, aziende e PA alla blockchain, applicazioni decentralizzate (dApp) e soluzioni tailor-made per i propri clienti. La vision di Blockchain Italia è quella di facilitare le aziende ed i liberi professionisti ad utilizzare questa nuova tecnologia disruptive nei loro processi, aiutandoli a scegliere tra le migliori modalità di integrazione in funzione di benefici tangibili e costi previsti. Infatti, tra i nostri servizi vi sono anche consulenza strategica, corsi di formazione per manager e sviluppatori. Infine, Blockchain Italia è socio fondatore di INATBA, Italia4Blockchain e Digital SME Alliance.

Morphogram

Morphogram è un servizio pensato per la persona e per i professionisti della nutrizione e del fitness che consente di monitorare lo stile di vita, la composizione corporea e i fattori di rischio collegati all’obesità, attraverso esclusivi algoritmi che analizzano specifiche misure antropometriche. Per utilizzare Morphogram, bastano un centimetro a nastro e la misura di almeno 3 circonferenze corporee. La semplicità e l’attendibilità della sua analisi, lo rendono uno strumento essenziale per la persona, ai fini dell’automonitoraggio del corpo e la prevenzione, e per il professionista, per visitare i pazienti, anche da remoto, e per risparmiare in costose strumentazioni. Il nostro progetto nasce dall’esperienza di più di 30 anni in nutrizione clinica e da 2 anni di test clinici che ci hanno consentito di perfezionare i nostri algoritmi, a tal punto, da avere lo stesso grado di attendibilità dei macchinari biomedicali più utilizzati in ambito nutrizionale, per la misurazione della composizione corporea.

Protechno

Protechno, divisione IoT di Sinthesi, offre strumenti tecnologici che consentono ai famigliari o ad operatori qualificati, un servizio di assistenza domiciliare a distanza 24/7, non invasivo, dell’anziano. Protechno Home Care consiste in un kit di facile installazione in grado di evidenziare preventivamente l’insorgere di situazioni potenzialmente di pericolo o di allertare una serie di contatti di emergenza in caso di allarme. Le soluzioni Protechno sono particolarmente indicate per l’assistenza di tutti quegli anziani ancora autosufficienti, che vivono soli al proprio domicilio, con una famiglia a volte lontana, che presentano primi segnali di fragilità e che non necessitano né desiderano un’assistente famigliare convivente. La tecnologia prevista nella soluzione Home Care è completamente non invasiva, non prevede l’utilizzo di alcun tipo di telecamera, non richiede che l’anziano debba vestire alcun tipo di wearable ed è predisposta per la futura l’integrazione con servizi aggiuntivi.

Voicen

VOICEN è un’app che può essere installata su qualsiasi dispositivo e che può essere usata in qualsiasi momento per dar voce alle proprie emozioni in maniera anonima. Ha la funzione principale di far capire che non si è sole, ma che il disagio del catcalling è condiviso da tante altre donne. L’app sarà composta dalla parte Community rappresentata dalla possibilità dei vari utenti di interagire tra di loro e da una sezione di sostegno psicologico nel caso la persona colpita da violenza psicologica necessiti di un reale aiuto e supporto da parte di un medico/psicologo. Attraverso le proprie personali credenziali si potrà richiedere un consulto, scegliendo uno degli psicologi della lista dei convenzionati. Grazie all’innovazione, il supporto arriverà tramite telemedicina. Ci sarà anche una parte con funzione didattica e divulgativa, dove saranno inclusi consigli utili per donne di tutte le età con tema non solo di supporto psicologico ma anche riguardanti le novità, i corsi, le opportunità per le donne.

Carchain

Startup innovativa fondata nel settembre 2020 con sede a Trieste. Rispetto al metodo tradizionale, utilizziamo QR code dinamici per pubblicizzare l’auto; in tal modo, le informazioni possono essere personalizzate in ogni momento. Carchain si rivolge al mercato tramite due canali: annunci Internet e di persona, con l’inserimento di un QR code sull’auto. Poiché il nostro focus è sul mercato delle auto d’epoca, vogliamo introdurre la tecnologia blockchain per salvaguardare gli interessi principali dei collezionisti di auto, come l’origine dell’auto, la storia, il pedigree, l’originalità, il chilometraggio, i certificati, ecc. La nostra mission è arricchire l’esperienza e la redditività dei nostri stakeholder fornendo loro le migliori soluzioni per salvare e condividere i dettagli del veicolo e fare trading in modo intelligente. La nostra vision è diventare la piattaforma più amata al mondo per archiviare e condividere i dati dei veicoli e migliorare la liquidità del mercato delle auto d’epoca.

Hassisto

Hassisto e’ lo spinoff del CNR che mette a disposizione dei familiari una piattaforma che consente di rilevare a distanza le condizioni dei loro anziani genitori. Oltre a sapere come stanno possono inoltre coordinarsi tra loro e con le badanti (caregiver) che eventualmente assistono il loro caro. Viene fornito uno smartwatch ed un box che trasmette i dati rilevati su un server, nel rispetto della privacy, da dove possono essere consultati anche da personale sanitario.

Leviant

LexPi è la piattaforma di realtà mista per la presentazione dei progetti di design e architettura. Spesso e volentieri è difficile far passare tutte le informazioni necessarie a capire appieno il progetto come i materiali, le finiture e la posizione dell’arredo. La piattaforma cloud LexPi offre la possibilità di caricare il progetto al suo interno e customizzarlo a proprio piacimento, ponendo particolare attenzione sull’utilizzo dei “marker”, decidendo così cosa poter far cambiare all’interno dello spazio. Una volta ultimato il processo, verrà esportato direttamente sul visore di realtà mista per poi essere indossato dal cliente. Sarà così possibile immergersi all’interno del progetto, provando una nuova esperienza. La peculiarità della nostra soluzione per gli architetti e designer è quella di esplorare le varie opzioni d’arredo in real time, grazie ad un semplice gesto con la mano.

Movers

I servizi di trasporto pubblico consentono di spostarsi in maniera conveniente e sostenibile, tuttavia hanno tragitti e orari prefissati. Per questo motivo molti utenti usano servizi di mobilità sharing per il last mile, ovvero per raggiungere più velocemente la fermata del tram o il luogo di destinazione dopo aver usato i mezzi pubblici. La nostra idea è quella di creare una piattaforma in cui vendiamo abbonamenti integrati tra i vari servizi di mobilità. I nostri abbonamenti integrano in un unico pacchetto più servizi di mobilità altrimenti indipendenti tra loro, includendo quindi trasporto pubblico e servizi di sharing. L’idea è quindi quella di semplificare il rapporto tra utente e servizi di mobilità. Le nostre offerte di abbonamento inoltre non sono fisse ma sono componibili in base alle esigenze del cliente, inoltre, attraverso l’uso di un algoritmo, la piattaforma riesce a proporre al cliente un abbonamento personalizzato che più si adatta alle sue abitudini.

Stip

Stip è una soluzione di IA plug and play che migliora le performance del Digital customer service del 300%, riduce i costi del 70% e i tempi di gestione end to end dell’80%. Crediamo che l’interazione umana sia il reale valore del customer service. Per questo motivo, al contrario di un normale Chatbot, non lavoriamo per eliminare l’operatore, ma per massimizzare la sua efficienza. Per tale motivo, Stip ha sviluppato 3 modelli di IA che si applicano sull’intero processo di customer service e consentono di automatizzare tutte le attività a non valore aggiunto, permettendo all’operatore di focalizzarsi unicamente sulla risoluzione dei ticket. L’IA di Stip si concentra su tutti i canali digitali (Social, Email, Sito Web, WhatsApp, SMS, ecc.)

99bros

È una piattaforma digitale di intermediazione assicurativa che, grazie ad un sistema integrato di IA, contenuti multimediali e consulenti specializzati, offre soluzioni personalizzate. L’algoritmo di machine learning suggerisce in tempo reale le coperture assicurative più adatte, acquistabili online. L’utente può approfondire gli argomenti di interesse attraverso guide tematiche ed ottenere supporto da un servizio Clienti. 99bros si rivolge alle giovani generazioni che possono sottoscrivere velocemente un piano pensionistico individuale, sfruttando i canali digitali e la loro attitudine ad approfondire in autonomia e ad acquistare sul web. Collegando il conto corrente alla piattaforma, l’utente riceve mensilmente suggerimenti su quanto risparmiare (arrotondamento spese digitali + analisi entrate/uscite) e su come contribuire al PIP Cardif. La piattaforma ipotizza i rendimenti futuri del fondo su cui investe il piano e mostra quanto incideranno in futuro i versamenti effettuati oggi.

Contesto

Migliorare la trasparenza dei prodotti assicurativi e mirare alla rapida vendita digitale delle polizze, rappresentano il “trend” del momento, ma l’accesso all’informazione qualificata può rendere più consapevoli gli utenti sulle proprie necessità e scelte. Dedicare, quindi, la giusta attenzione agli utenti, per rispondere alle loro domande e cercare di risolvere i loro problemi é efficace, soprattutto, ove i consumatori non conoscono l’argomento a fondo e fanno fatica a fidarsi completamente. Utile, pertanto, fornire alla community degli utenti, l’approfondimento di specifiche tematiche, creando una comunicazione partecipativa in rete. Assibot, con formula a quesitario e indice, consente di ricevere risposte, automatiche oppure a richiesta. Gli argomenti trattati, vertono sulle tematiche di “rischio” abbinate al “diritto” al fine di orientare l’utente verso il trasferimento assicurativo. La casistica giurisprudenziale equivale a storytelling sui “rischi” ed eventi dannosi.

Cop-Chi Odia Paga

COP – Chi Odia Paga è una startup legaltech che offre servizi di utilità sociale finalizzata alla formazione, tutela e supporto per la difesa dei diritti dei cittadini. Si rivolge in particolare alle vittime di odio online (stalking, hate speech, diffamazione, cyberbullismo e revenge porn) che possono facilmente accedere alla piattaforma tramite il sito web dell’azienda e richiedere un feedback legale digitale gratuito o acquistare un servizio di supporto legale (al prezzo più competitivo sul mercato). L’obiettivo della società è quello di abbattere le barriere che scoraggiano il cittadino dall’intraprendere azioni legali per tutelare i propri diritti, abbattendo i tempi, i costi e snellendo l’iter di tutto il processo rispetto ai metodi tradizionali. COP oltre a contrastare gli haters “a valle”, riduce il fenomeno “a monte” sostenendo, insieme ad una rete di aziende partner, progetti di educazione e sensibilizzazione per la prevenzione dell’odio online.

get™ Aura

Get™Aura è first mover nel mercato dei wearable per l’autenticazione univoca della persona tramite parametri vitali. La tecnologia assicura un alto livello di sicurezza ed affidabilità dei dati raccolti dall’utente. La biometria avanzata si completa rilevando ulteriori dati: ECG, PPG (battito), SpO2 (ossigenazione del sangue), temperatura, GPS, sleep monitoring, stress e fall detection. La soluzione, che adotta l’innovativa bone conduction technology di Deed™ per trasmettere l’audio in totale privacy, rappresenta un “all-in-one device” che sfrutta la sua piattaforma integrativa abilitando molteplici servizi come pagamenti c-less, telemedicina ed alert. I protocolli di comunicazione sono in grado di connettersi in Bluetooth a smart devices e in WiFi ad infrastrutture già esistenti rendendo il dispositivo attivo anche in modalità stand-alone. Importanti clienti e partner come Intesa Sanpaolo,TIM,Giomi,Telsy,Spotify e Nastro Azzurro hanno validato l’innovazione e la verticalità delle soluzioni.

H4D

H4D è stata fondata per sviluppare la Consult Station®, una soluzione unica che migliora la visita medica in video-conferenza con l’integrazione di device consentendo a medici di rilevare misurazioni affidabili e condurre visite mediche complete a distanza. L’idea è nata dal Dr. Baudino che, dopo anni di esperienza nella gestione di reti d’urgenza e di risposta alle crisi sanitarie nel mondo, ha voluto sviluppare una soluzione capace di creare una fitta rete di punti di accesso alla salute grazie alla telemedicina. Installata in sedi di aziende, in zone di abituazioni ed in punti chiave della vita dei cittadini, la cabina agevola l’accesso alle cure per tutti. H4D ha effettuato migliaia di televisite e forma numerosi medici per offrire un’esperienza unica al paziente attraverso un dialogo rinforzato ed un trasferimento di conoscenze necessario di fronte alla lontananza fisica. Oggi si sviluppa in Italia con un responsabile commerciale, un capo progetto ed un direttore medico

DoctorTag

Mai come adesso, in pieno scenario Covid abbiamo tutti bisogno di un “passaporto sanitario digitale”, nel portafogli (card) e nel telefono di ogni utente (app). Il dispositivo DoctorTag è la soluzione ad un’esigenza universale: la disponibilità sempre ed ovunque dei dati medico-sanitari e di emergenza certificabili da un medico e visualizzabili su pc, smartphone, on/offline, anche a distanza e da chi non usa tecnologia. DoctorTag è – per aziende e associazioni distributrici – un veicolo per un nuovo modo di comunicare ed erogare servizi “core”. Grazie alla piattaforma multiservice è possibile comunicare con grandi gruppi di persone e di profilare e fidelizzare attraverso l’erogazione di servizi digitali; permette inoltre di creare grandi archivi big-data e realizzare vera spendig review; pertanto DoctorTag trasforma il telefono in un centro servizi e in un “assistente personale digitale”.

Equs

EQUS può applicare la sua tecnologia ed esperienza in diversi settori industriali. EQUS, ha identificato, nel settore automotive, specifiche opportunità anche per effetto della ventennale esperienza dei suoi fondatori. Abbiamo quindi sviluppato la nostra prima garanzia diretta dedicata ai possessori di auto e moto. Così, nasce TiVale, la garanzia del valore senza limiti. Con TiVale, EQUS, diventa la prima compagnia europea che sviluppa certificazione di garanzia del valore di un bene nel settore automotive. Con TiVale, il consumatore protegge sé stesso ed il suo investimento in mobilità dalle frodi e dalle eccessive svalutazioni di mercato, trasformando il proprio veicolo in un titolo di valore, sempre a sua disposizione, come un assegno circolare. Da oggi le persone potranno fare un acquisto più consapevole ed in maggiore trasparenza potendosi meglio affidare al rivenditore grazie alla garanzia del valore TiVale.

Keyless

Keyless è una società di sicurezza informatica fondata da rinomati esperti di sicurezza, esperti di tecnologia e leader aziendali, che danno vita a più di 10 anni di ricerca. Keyless sta aprendo la strada alla prima piattaforma mondiale di autenticazione biometrica e di gestione dell’identità personale preservando la privacy, combinando la biometria multimodale con la crittografia avanzata, che sfrutta un’architettura cloud distribuita. La soluzione biometrica “zero-knowledge” elimina la necessità di archiviare e gestire dati sensibili, consentendo alle aziende di adottare l’autenticazione senza password, proteggere la propria forza lavoro remota e consentire un’autenticazione robusta del cliente mediante uno sguardo. Siamo orgogliosi di portare sul mercato un modello di autenticazione senza password e di collaborare con aziende leader di mercato come Cisco, Microsoft e istituzioni accademiche all’avanguardia.

SaveBiking

SaveBiking è uno strumento di marketing coinvolgente: ogni volta che un potenziale cliente si muove, oggi in bicicletta ma in futuro su qualunque mezzo, SaveBiking stabilisce un punto di contatto per i brand che diventano attraenti incentivandolo ad un moto salutare, ecologico e di positivo impatto sociale. Si basa su un’app che registra i percorsi dell’utente e, proporzionalmente al suo impegno e costanza nel muoversi sano e green, offre riconoscimenti che lo conducono verso i brand partner.

WhoTeach

WhoTeach, sviluppata da Social Thingum, è una piattaforma online dotata di intelligenza artificiale per rendere più veloce ed efficiente la creazione di corsi formativi per l’istruzione di lavoratori e studenti. WhoTeach suggerisce ai docenti contenuti didattici personalizzati da inserire nei propri nuovi corsi scolastici o di aggiornamento, così da velocizzare la lunga preparazione del materiale per le lezioni. I suggerimenti sono forniti dal sistema di raccomandazione di WhoTeach, dotato di intelligenza artificiale e sviluppato negli anni dai fondatori della società. In aggiunta alla creazione di corsi, WhoTeach permette di tracciare il comportamento degli utenti iscritti, consente interazioni docente-studente e studente-studente, e mette a disposizione un’aula virtuale per le lezioni sincrone. In questo modo, la piattaforma WhoTeach è in grado di offrire un supporto per la formazione digitale a 360 gradi, sia rispetto al lavoro da fare in aula che rispetto a quello da fare a casa.

L’articolo Tutte le startup protagoniste della Digital Battle proviene da InsuranceUp.


Midori, lo smart meter innovativo che può diventare la black box della casa

“I dati sono il petrolio del nuovo millennio. Ne avremo a disposizione una quantità sempre maggiore. E il vero problema, in futuro, non sarà il loro accesso, ma la loro analisi e comprensione. La differenza, però, la saprà fare solo chi metterà il fattore human al centro”. Christian Camarda ne è certo. “I dati ci aiutano a creare prodotti mirati ma se non mettiamo la persona al centro non c’è mercato e non c’è successo”. Torinese, 36 anni, ingegnere delle telecomunicazioni, Camarda è il Ceo di Midori, startup vincitrice della sesta edizione di Open-F@b Call4Ideas di BNP Paribas Cardif dedicata alla Human Data Science.

Midori, la pmi per un consumo energetico consapevole. La storia

Midori è una PMI innovativa nata nel 2011, ospitata dapprima all’interno dell’Incubatore I3P del Politecnico di Torino e dal 2018 con sede all’Energy Center del Politecnico di Torino. Si tratta di una società che realizza e vende servizi di analisi energetica e smart metering per fornire dati energetici precisi e di dettaglio. “L’idea è nata durante un master universitario a Torino dove ho incontrato colleghi che, come me, hanno la passione per l’efficienza energetica” racconta il founder della startup. “Insieme ad altri ingegneri ho iniziato a pensare alla possibilità di offrire alle persone strumenti più avanzati di quelli che erano (e che di fatto sono ancora) presenti sul mercato per un consumo consapevole dell’energia”. L’idea alla base dell’allora startup è chiara: realizzare soluzioni per far comprendere meglio a persone e aziende in che modo usano l’energia e come possono ridurre inutili sprechi. La consapevolezza è l’elemento che caratterizza ogni soluzione proposta da Midori, mentre la tecnologia e l’innovazione sono messe al servizio dell’individuo, parte attiva e responsabile di un nuovo modo di vivere sostenibile.

A Christian Camarda, si uniscono subito Awet Abraha Girmay (etiope, ingegnere delle telecomunicazioni), Davide Comba (senior developer, con esperienza nella programmazione web e mobile), Francesca De Santis (si occupa di comunicazione e clienti: “Abbiamo iniziato a vendere i prodotti e i feedback dei clienti sono fondamentali per noi” puntualizza Camarda), Virginia Vassallo (psicologa sociale, si occupa del design sociale del prodotto: l’analisi dei bisogni dei clienti si trasformano in funzionalità e servizi da inserire all’interno del prodotto).

Oggi questa pmi collabora con aziende del settore energetico come Iren, Liquigas, Repower, Evolvere e Domotica Labs, e ha saputo generare revenues sin dal primo anno di attività per una cifra complessiva di 1,2 milioni di euro, potendo autofinanziare così lo sviluppo delle sue tecnologie, frutto di un know-how accumulato in 7 anni di ricerca e sviluppo nel campo ICT.

Alla base di questo successo ci sono i prodotti realizzati da Midori, Kiui (il primo già lanciato sul mercato) e NED (il prodotto con cui la pmi ha vinto Open F@b).

Kiui, il primo prodotto di Midori (fratello maggiore di NED)

Kiui è una piattaforma web per il calcolo del profilo energetico di casa, pensato per essere integrato nei sistemi digitali di aziende di fornitura di energia elettrica e gas. Non serve hardware da installare. Tutto è sul web. Il funzionamento di Kiui si basa su un’intervista sull’abitazione analizzata e i dispositivi presenti e in pochi minuti viene generato un report dettagliato sui consumi di casa. In base al risultato del report, Kiui segnala come si possono ottimizzare i consumi di casa e limitare la spesa energetica, fornendo una simulazione dei consumi che si avrebbero adottando i suggerimenti di risparmio energetico. Kiui, infatti, fornisce una fotografia del consumo annuale degli elettrodomestici in kWh, Euro e kg di CO2; dati ad oggi sconosciuti perché nascosti all’interno del dato aggregato fornito dalla bolletta energetica. Grazie a questo prodotto, realizzato subito dopo la fondazione della startup, Midori avvia importanti collaborazioni con Repower, Liquigas, Iren ed Evolvere. “Con i ricavi ottenuti da queste partnership abbiamo lavorato su NED, il prodotto premiato a Open F@b” racconta Camarda.

NED, il primo smart meter Made in Italy che controlla i consumi degli elettrodomestici

NED è un dispositivo che permette di tenere sempre sotto controllo quanta energia consumano gli elettrodomestici di casa. Si connette contemporaneamente con tutti i dispositivi di casa, senza la necessità di installare numerosi, costosi e invasivi strumenti di misura. Oggi, infatti, il mercato del monitoraggio energetico offre soltanto soluzioni composte da strumenti di misura (Smart Plug) da collegare ad ogni elettrodomestico; questo significa alti costi per l’utente e l’impossibilità di installare le Plug in prossimità di elettrodomestici incassati o a muro. NED invece si collega facilmente al quadro elettrico di casa e tramite una sola app per smartphone permette di accedere a un’intera gamma di servizi, per scoprire il reale utilizzo dell’energia e imparare a risparmiare sulla bolletta fino al 20% ogni anno.

Come funziona NED

NED nasce da anni di ricerca e sviluppo nell’ambito del machine learning e del data analytics e il suo vero valore è negli algoritmi proprietari della piattaforma cloud di riconoscimento dei carichi elettrici. NED infatti analizza il consumo dell’appartamento catturato dal dispositivo di misura e ricerca le impronte elettriche che i principali elettrodomestici lasciano sul tracciato elettrico mentre sono in funzione, per scoprire quando vengono utilizzati e quanto consumano. Questo prodotto però è molto più di un semplice strumento di monitoraggio perché è in grado di segnalare consumi eccessivi ed anomalie elettriche, avvertire di possibili guasti degli elettrodomestici, suggerire tariffe energetiche più convenienti sul mercato o modelli più performanti di elettrodomestici.

“Il nostro obiettivo è rivoluzionare lo scenario della Smart Home applicata al settore energetico” puntualizza il CEO di Midori. “Grazie a NED saremo in grado di fornire a cittadini e aziende dati energetici precisi e di dettaglio, come quelli sui consumi degli elettrodomestici, fino ad oggi inaccessibili, ma fondamentali per conoscere come viene usata l’energia e comprendere quali azioni adottare per ridurre le emissioni e gli sprechi, oltre che il prezzo delle bollette”.

Il mercato di riferimento

Frigoriferi lasciati aperti o ghiacciati, lavatrici a mezzo carico, dispositivi obsoleti o malfunzionanti: ogni anno in Italia lo spreco energetico nel settore residenziale ammonta a oltre 4 miliardi di euro e di fatto 9 italiani su 10 dichiarano di non essere assolutamente consapevoli dei consumi dei propri elettrodomestici, né tanto meno di sapere come risparmiare ed evitare inutili sprechi. “NED nasce per rispondere a questa esigenza e rendere i cittadini sempre più green” continua il Ceo. Insieme a Sicurezza e Riscaldamento, le soluzioni per la gestione degli elettrodomestici trainano il mercato italiano dei servizi Smart Home rivolti a cittadini ed aziende, che nel 2017 nel nostro Paese valeva 250 milioni di euro (+35% rispetto al 2016). NED si inserisce in uno dei settori di maggiore interesse all’interno di un mercato in rapida ascesa, il cui valore atteso a livello europeo entro il 2020 è pari a 15 miliardi di euro.

Il modello di business

Il modello di business è B2B: “Vogliamo coinvolgere partner come utilities, ma anche assicurazioni e banche. Questi 3 player potranno proporre NED alla loro clientela” spiega Camarda. “Ad esempio l’assicurazione può essere interessata a dare ai propri clienti quella che noi definiamo la scatola nera della casa, un servizio di efficientamento energetico: è anche uno strumento utile all’assicuratore per comprendere meglio le necessità dei propri clienti, aumentando il valore della loro offerta” continua il Ceo. Che è anche al lavoro con una utility piemontese per l’installazione e la prova di mille NED. “Verranno installati l’anno prossimo e si sta creando una partnership con loro per poter rinnovare questo ordine” spiega. Inoltre, “ne abbiamo venduti 200 sul nostro e-commerce: costa 249 euro, inclusi il sensore di misura, l’accesso all’app, il servizio di monitoraggio e di efficientamento elettrico, e tutti gli aggiornamenti software dell’app sono compresi nel prezzo”.

Presto, però, Camarda e il suo team sperano di trovare accordi con i fornitori di energia elettrica e gas: “Immaginate che bello se un giorno il vostro fornitore possa consegnarvi non solo una bolletta, ma anche uno strumento che vi permetta di risparmiare soldi ed energia. Questo è il futuro che sogniamo”.

Al momento la pmi è concentrata solo sul mercato italiano. “È un contesto interessante – continua Camarda – Noi italiani siamo sensibili ai temi energetici. Inoltre nel nostro Paese ci sono circa 700 rivenditori di energia elettrica, realtà di medie e piccole dimensioni ma molto forti a livello territoriale. Crediamo sia un Paese interessante sul quale puntare”.

La vittoria della di Open F@b call4ideas di BNP Paribas Cardif

“Iniziative come quelle di Open F@b sono una grande occasione per le startup perché permettono di avere una vetrina difficilmente raggiungibile seguendo il classico iter commerciale” dice il Ceo. E ci anticipa: “Hanno mostrato interesse verso il nostro prodotto; nelle prossime settimane ci incontreremo per poter aprire dei tavoli di lavoro e ci auguriamo di poter lanciare dei progetti pilota sulla loro clientela e avviare una partnership con loro”.

L’articolo Midori, lo smart meter innovativo che può diventare la black box della casa proviene da InsuranceUp.


Smart building, Phononic Vibes, the Italian startup, receives 550 thousand euros from the Poli360 fund

It seems they’re holding a Rubik cube in their hands, yet these are prototypes to create innovative panels capable of absorbing noise and vibration 10 times more than any material used to date. Their quality does not derive from the material they are made of, but from their shape, from their geometry, characterized by “periodic, repetitive series” that convey and scatter vibrations and noises. Meta-materials, structures whose properties do not depend on material but rather on geometry, are what the founders of the Phononica Vibes startup also studied at MIT in Boston and at ETH in Zurich, before coming back to Politecnico di Milano where they developed their own idea and created their own startup, which now, after several awards, has also collected its first investment from the Poli360 fund, the 60 million euro fund set up by Politecnico di Milano and the Venture Capital 360 Capital Partners company. 

Phononic Vibes was founded by Luca D’Alessandro, Giovanni Capellari and Stefano Caverni, and is now undergoing field trials, thanks to the partnership with leading companies, including Ferrovie Nord and Franke. 

Phononic Vibes panels (made of recycled material, among other things, with a view to the circular economy) can be used in smart buildings. Not only is smart management of energy consumption, connected houses and environmental protection, but also safety and livability. It can also be applied in the automotive sector, in the smart city, in the industrial sector. 

L’articolo Smart building, Phononic Vibes, the Italian startup, receives 550 thousand euros from the Poli360 fund proviene da InsuranceUp.