Come lavare la macchina a casa

Le prime cose da fare per ottenere un’auto pulita senza graffi, lavata comodamente senza lunghe file di attesa all’autolavaggio.

Lavare l’automobile a mano, in autonomia a casa, senza ricorrere ad un autolavaggio ha dei vantaggi. È un metodo pratico ed economico che vi permette un risparmio, consentendovi di mantenere il veicolo in perfetto stato. Infatti le spazzole utilizzate nelle strutture di lavaggio, soprattutto quelle automatiche, possono essere abrasive, col rischio di graffiare l’automobile. Vediamo i trucchi per lavare e asciugare l’auto e quali prodotti scegliere.


Lavare la macchina a casa: quando farlo

La frequenza del lavaggio dell’auto dipende dalla stagione, dai tipi di percorsi e strade che solitamente percorrete e dal tempo che avete a disposizione. Tuttavia è bene lavare l’auto periodicamente per evitare che lo sporco si incrosti sulla carrozzeria, sui tessuti e sulle superfici interne. Soprattutto durante l’estate, il caldo fissa in modo deciso le impurità sull’esterno della macchina, perciò meglio rimuoverle in anticipo.

Il sale e la sabbia sono i nemici più frequenti che le auto devono sopportare, sebbene quelle più moderne abbiano un resistente strato protettivo per la carrozzeria sotto la vernice, che la protegge dall’ossidazione. Se l’auto è stata riverniciata nel tempo è consigliabile lavarla più spesso per rimuovere lo sporco e i depositi di sale.

Come lavare la macchina a casa: tutto l’occorrente

I prodotti indispensabili per un lavaggio fai-da-te:

  • Sgrassatore per auto (da usare con molta cautela, essendo abrasivo)
  • Sapone o shampoo lucidante per auto
  • Spugne
  • Stracci, pelli o panni di microfibra per l’asciugatura
  • Un secchio di acqua pulita per il lavaggio e uno per il risciacquo
  • Un tubo di gomma collegato al rubinetto
  • Spazzole a setole rigide (di cui una per le gomme)
  • Guanti
  • Cera per auto
  • Lucidante per cerchioni

Prima regola: se l’auto è stata esposta al sole è sconsigliato procedere al lavaggio perché la superficie troppo calda farebbe evaporare la schiuma rapidamente, seccandola sulla carrozzeria. Mettetevi quindi all’ombra, all’interno della vostra proprietà. Lavare un’auto in strada, su suolo pubblico, è vietato dal Codice della Strada.

Ovviamente prima di iniziare è necessario chiudere completamente i finestrini e alzare i tergicristalli anteriore e posteriore. A questo punto procedete con il prelavaggio utilizzando lo sgrassante per rimuovere residui di catrame, resina, escrementi di volatili o sporco particolarmente resistenti. Bisognerà attendere pochi minuti affinché il prelavaggio agisca in profondità, poi si potrà procedere con il risciacquo.

Completata questa prima fase si può passare al lavaggio vero e proprio, iniziando dalle zone inferiori, perché di norma sono le parti dove la sporcizia tende ad accumularsi. È preferibile utilizzare una spugna esclusivamente per i cerchi e le ruote, vista la considerevole quantità di sporcizia che andrete a rimuovere. Utilizzate due secchi, uno per il sapone e l’altro per il risciacquo.

Immergete la spugna nel secchio con la schiuma e il sapone e passatela sulla carrozzeria, senza esercitare troppa pressione per non rovinare la vernice. Si può anche utilizzare un panno in microfibra, che è più delicato, per evitare ogni rischio di rovinare la vernice superficiale.

Ripetete questo passaggio fino a quando l’auto non sarà completamente pulita come desiderate, e risciacquate la schiuma e lo sporco con un getto d’acqua fredda non troppo forte.

Prestate attenzione ai dettagli e alle componenti che si tendono a dimenticare, come i tappetini, da pulire con un aspirapolvere, il parabrezza, da detergere dall’interno, la plastica del cruscotto, i pedali del freno, acceleratore e frizione, gli specchietti e il portabagagli.

Pulire l’interno dell’auto è importante come lavare l’esterno, un abitacolo igienizzato porta beneficio alla salute. Oltre ai residui organici, come il cibo, le briciole o gli acari, i sedili e l’abitacolo possono sporcarsi con diverse macchie; inoltre se si portano a bordo animali facilmente si possono percepire cattivi odori. Aspirate la polvere ed eventuali impurità dagli interni e pulite i sedili, rimuovendo le macchie con acqua e bicarbonato.

Se siete alle prese con tracce di grasso, olio, cibo o rossetto sulla tappezzeria, un buon rimedio può essere un panno di cotone imbevuto di solvente per vernici diluito con acqua. Quando il tessuto è bagnato, cospargete la zona con sale o amido di mais e lasciate agire per almeno otto ore.

Un’altra macchia insidiosa è provocata dal caffè: tamponate con della carta per assorbire il caffè in eccesso, poi versateci sopra dell’acqua fredda e spruzzate uno spray detergente per vetri. In alternativa potete mescolare un bicchiere di acqua a temperatura ambiente e mezzo bicchiere di aceto, poi tamponate più volte. Infine utilizzate spray disinfettanti per eliminare i batteri.

È bene precisare che in Italia le acque reflue sono considerate un rifiuto pericoloso per l’ambiente che deve essere filtrato e smaltito come le “acque nere”, prima di essere immesso nello scarico dell’acquedotto pubblico. A sancirlo è il decreto legge n. 152 del 3 aprile 2006. Per un lavaggio auto e norma di legge, quindi, bisognerebbe disporre di un impianto di trattamento delle acque nel proprio garage o nel giardino di casa, per evitare l’inquinamento.

Come lavare la macchina a casa: la scelta del detergente

È consigliabile utilizzare detergenti specifici e certificati per ottenere un risultato efficace evitando danneggiamenti. Scegliete prodotti professionali che non siano troppo aggressivi e abrasivi ed evitate il detersivo da cucina. Lo sgrassatore deve avere un pH alcalino medio (10-11), che possa agire senza strofinare la superficie, semplicemente da risciacquare dopo pochi minuti.

In generale sono preferibili prodotti emollienti monocomponenti particolarmente adatti alla rimozione del film statico, detergenti con schiuma profumata dosati a bassa pressione per l’eliminazione dei moscerini, detergenti concentrati e non aggressivi per cerchi in lega e cera auto-asciugante per carrozzeria e vetri.

In alternativa potete effettuare un lavaggio a secco che consiste nel pulire il veicolo totalmente senza acqua e detergenti liquidi, ma esclusivamente con prodotti che non hanno bisogno di risciacquo (chiamati “savewater”).

Come asciugare la macchina

Dopo aver pulito l’automobile si procede con l’asciugatura utilizzando preferibilmente panni puliti in microfibra. In commercio è possibile trovare dei prodotti specifici che aiutano nell’operazione di asciugare l’auto rapidamente e senza lasciare aloni sulla carrozzeria e sulle superfici vetrate.

Anche la pelle di daino è un materiale è molto valido per asciugare e lucidare la carrozzeria della vettura.

Infine potete completare il lavaggio e la pulizia con la stesura di una cera sulla carrozzeria da applicare con delicatezza, per renderla lucida e proteggerla dagli agenti esterni.

Scopri subito quanto puoi risparmiare sulla polizza auto: è veloce e senza impegno

L’articolo Come lavare la macchina a casa sembra essere il primo su Blog Linear.