Proteggersi dal contagio: da una startup italiana arriva iMask, la mascherina riutilizzabile

Tutelare la propria salute e quella degli altri è estremamente importante nell’ambito della diffusione della pandemia di Covid-19, soprattutto in questa fase delicata, in cui cominciano a riprendere attività e spostamenti. L’emergenza sanitaria ha reso indispensabile il rispetto di rigorose procedure di prevenzione e controllo dei contagi, una dei quali è la famigerata mascherina. In risposta alla necessità di indossare le mascherine protettive, una startup italiana si è distinta realizzando iMask, un innovativo dispositivo di protezione, personale e medico.

Ideata, realizzata e venduta da iMask srl, startup innovativa siciliana che vuole rivoluzionare la produzione di mascherine, iMask nasce dall’incontro di cinque imprenditori, tra cui Salvatore Cobuzio, founder di Martha’s Cottage, e-commerce dedicato ai matrimoni in Europa, e Giovanni Gallo, designer e founder del laboratorio di progettazione e fabbricazione digitale Gallo-Lab, con il medico chirurgo Otorinolaringoiatria presso l’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, Giovanni Leo Tomacelli. Punti di vista e specializzazioni differenti ma complementari che unendosi hanno dato vita a una mascherina innovativa: sicura, lavabile e riutilizzabile, ecologica ed ergonomica.

iMask è l’unica mascherina senza valvola in grado di proteggere sia chi la indossa sia chi ci sta vicino grazie alle proprietà del filtro, che utilizza un innovativo tessuto a base di polipropilene certificato nella classe di protezione FFP3, lo standard più elevato disponibile sul mercato per le mascherine semipermanenti di protezione individuale e chirurgiche.

Digital360 awards

Presenta il tuo progetto digitale ad una platea di CIO delle più importanti aziende
Digital Transformation
Open Innovation

Scopri come candidare il tuo progetto

 Composta da corpo principale, filtro e cartuccia isolante, iMask è un dispositivo di protezione individuale con certificazione in deroga ed è in corso l’iter di certificazione come dispositivo medico, che richiede 20 giorni lavorativi dall’avvio della procedura, nel rispetto della norma europea sui “Dispositivi di protezione delle vie respiratorie – Semimaschere filtranti antipolvere – Requisiti, prove, marcatura”. Ideata, progettata e realizzata interamente in Italia, iMask è protetta da tre brevetti internazionali (depositati nell’aprile del 2020).

 Leggi l’articolo integrale sul portale Economyup.

L’articolo Proteggersi dal contagio: da una startup italiana arriva iMask, la mascherina riutilizzabile proviene da InsuranceUp.