Scadenza bollo auto: cosa sapere su termini e pagamenti

Tra le spese da sostenere per il mantenimento di una vettura, dobbiamo includere anche il “bollo auto”. Imposta annuale che varia a seconda di tipologia e caratteristiche del veicolo.

È quindi necessario sapere quanto pagare oltre alla verificare la scadenza del bollo auto. Essendo una tassa, in caso di mancato o ritardato pagamento si incorre in una sanzione la cui entità è calcolata a partire dalla sua data di scadenza.

Inizialmente il bollo auto era chiamato “tassa di circolazione” e doveva essere pagato soltanto qualora il veicolo fosse circolante. Oggi invece è diventata una tassa di possesso e deve essere versata per qualsiasi autoveicolo, anche se fermo in garage.

Scadenza del bollo auto: le novità 2019

Ci sono parecchie novità sul pagamento e la scadenza del bollo auto per il 2019. Sono state introdotte esenzioni di diversa durata che allontanano la data di scadenza. Molte regioni hanno deciso di incentivare chi sceglie di sostituire la sua vecchia auto con vetture elettriche o meno inquinanti.

Queste alcune delle principali novità:

  • in Lombardia l’esenzione è per tre anni dal pagamento del bollo, se si rottama un veicolo inquinante da Euro 0 a Euro 3 e si acquista un veicolo più pulito Euro 5 e Euro 6;
  • sempre in Lombardia per le auto elettriche l’esenzione dal bollo dura 5 anni. Dal sesto anno la tassa di possesso viene ridotta al 75%;
  • in Piemonte sono esenti le auto con impianto GPL di fabbrica. Mentre è esente per 5 anni chiunque abbia provveduto a un’installazione successiva;
  • per tutte le auto ibride acquistate nel 2019, il pagamento dell’imposta sarà esentato per 3 o 5 anni a seconda della regione.

Qui anche altre agevolazioni:

  • in Campania, per l’ibrido non è previsto il pagamento della tassa di possesso;
  • in Emilia Romagna l’esenzione del bollo vale per le auto a tecnologia ibrida immatricolate dal 2016;
  • la regione Lazio garantisce l’esenzione del bollo delle auto ibride per i primi 3 anni d’immatricolazione;
  • in Liguria, l’esenzione del bollo per i primi 4 anni, per le ibride immatricolate dal 2016;
  • nuovamente in Lombardia, l’ibrido con ricarica esterna acquistato tra gennaio 2015 e dicembre 2017, paga la metà del bollo. Agevolazione limitata ai primi tre anni;
  • nelle Marche, l’esenzione è valida per i primi 6 anni per i veicoli ibridi;
  • in Puglia, esenti dal versamento del bollo le vetture ibride acquistate dal 2014 e per i 5 anni successivi;
  • in Umbria, il pagamento del bollo è esente per le automobili ibride immatricolate tra il 2016 e il 2017, per due anni;
  • in Veneto, esenti dal pagamento dell’imposta le auto a tecnologia ibrida acquistate dopo l’1 gennaio 2014 e per 3 anni;
  • a Bolzano, il versamento del bollo è da escludersi per le auto ibride elettriche e termiche, a Gpl, a metano e a idrogeno per 3 anni;
  • a Trento, l’esenzione dal bollo per 5 anni per le auto a metano-benzina, gpl-benzina ed elettricità-benzina.

Scadenza bollo auto: cosa sapere su termini e pagamentiClick To Tweet

Come controllare la scadenza del bollo

La tassa automobilistica è a rinnovo annuale. Abbiamo a disposizione diverse modalità per verificare la corretta scadenza del bollo auto.

La data di scadenza può essere verificata sulla ricevuta di pagamento del bollo stesso, dove sono riportate le date di inizio e di fine validità, oltre alle informazioni sull’importo.

Se invece sei hai dimestichezza con il digitale, puoi verificare la scadenza bollo auto visitando il sito dell’ACI o dell’Agenzia dell’Entrate, proprio come per il calcolo. Anche in questo caso basterà riportare le informazioni richieste per capire quale sia la data di scadenza e se questa è già trascorsa o meno.

In alternativa al digitale, puoi decidere di andare di persona presso una delegazione dell’ACI e chiedere informazioni sulla scadenza del tuo bollo auto. Allo stesso modo andando presso la tua agenzia di pratiche auto di fiducia.

Ora che si è chiarito dove controllare la scadenza bollo auto, non resta che capire dove, come e quando procedere al pagamento della tassa sulla tua automobile.

Pagamento bollo auto: dove e quando

Come per il calcolo e per la verifica della validità, anche per il pagare il bollo auto abbiamo diverse possibili modalità.

Il pagamento della tassa sulla tua autovettura può essere effettuato recandosi presso:

  • una sede ACI;
  • alla posta;
  • un’agenzia di pratiche auto;
  • alle ricevitorie e tabaccherie abilitate;
  • istituti bancari preposti, dove sarà possibile pagare l’imposta anche tramite ATM.

Il bollo auto in scadenza può essere pagato anche comodamente da casa, sfruttando i servizi di internet banking o attraverso il sito dell’ACI.

Chiarito dove effettuare l’operazione, resta soltanto da capire quando procedere al saldo dello stesso. Il bollo auto può essere pagato in prossimità del suo termine di validità, oltre il quale si avrà comunque ancora un mese di tempo per concludere il pagamento evitando sanzioni.

Facciamo un esempio: nel caso la validità terminasse nel mese di gennaio, si avrebbe ancora a disposizione tutto il mese di febbraio per provvedere al pagamento della tassa senza importi aggiuntivi derivanti dalle sanzioni.

In conclusione come verificare la scadenza e il pagamento del bollo auto? È molto semplice. Consulta il sito dell’ACI o quello dell’Agenzia delle Entrate, o visita la tua agenzia di pratiche auto di fiducia o una delegazione ACI.

L’articolo Scadenza bollo auto: cosa sapere su termini e pagamenti sembra essere il primo su https://www.6sicuro.it

Seguici su Google+