Scioglilingua italiani più famosi

scioglilingua italiani

Scopriamo che cos’è uno scioglilingua, a cosa serve e quali sono gli scioglilingua italiani più famosi!

Che cos’è uno scioglilingua

Lo scioglilingua è un insieme di parole, un gioco della lingua italiana e della sua pronuncia. Sono frasi davvero difficili da pronunciare ma, quando ci riesci, vuoi mettere la soddisfazione?

La lingua italiana ci regala tantissime emozioni con la sua particolarità e gli scioglilingua ne sono l’emblema. Frasi piene di:

  • allitterazioni
    ripetizioni di uno o più suoni
  • paranomasie
    abbinamenti di due parole che hanno lo stesso suono ma significato completamente opposto
  • onomatopee
    parole che ricopiano il suono di un oggetto.

Scioglilingua italiani più famosiClick To Tweet

Un’altra delle difficoltà degli scioglilingua è rappresentata dalla velocità sempre maggiore con la quale bisogna pronunciare le frasi. Avanti, tutti da bambini abbiamo provato a non far annodare la lingua quando il nonno ci prendeva in giro sfidandoci con il famosissimo Apelle figlio di Apollo fece una palla di pelle di pollo, o no? Abbiamo menzionato il nonno perché gli scioglilingua fanno parte delle nostre famiglie, delle radici della cultura popolare stessa e hanno origini storiche molto antiche.

A cosa servono gli scioglilingua?

Gli scioglilingua servono a sciogliere la lingua. Ma che domande!

Oltre a garantire una buona risata a cuore aperto, gli scioglilingua sono consigliati anche da logopedisti e coach per mantenere la concentrazione ed allenare la mente e per migliorare la propria pronuncia.

Più si avanza nell’esercizio, più si migliora la dizione e la pronuncia. L’aumento della concentrazione e della padronanza della lingua sono altri due fattori da tenere in considerazione.

Scioglilingua italiani più famosi

Quali sono gli scioglilingua più famosi e quelli da conoscere assolutamente per stupire tutti? Ecco un elenco degli scioglilingua italiani più difficili ed insidiosi per sfidare gli amici. Non dimenticarti una cosa molto importante: se noti che ne manca qualcuno, scrivici nei commenti. Inseriremo lo scioglilingua che ci hai segnalato!

  1. Sopra la panca la capra campa, sotto la panca la capra crepa.
  2. Se l’arcivescovo di Costantinopoli
    si disarcivescoviscostantinopolizzasse,
    vi disarcivescoviscostantinopolizzereste voi
    come si è disarcivescoviscostantinopolizzato
    l’Arcivescovo di Costantinopoli?
  3. Tre tigri contro tre tigri.
  4. Sul tagliere gli agli taglia non tagliare la tovagliala tovaglia non è aglio se la tagli fai uno sbaglio.
  5. Trentatré trentini entrarono a Trento tutti e trentatré trotterellando.
  6. Tito, tu m’hai ritinto il tetto, ma non t’intendi tanto di tetti ritinti.
  7. Apelle figlio d’Apollo fece una palla di pelle di pollo e tutti i pesci vennero a galla per vedere la palla di pelle di pollo fatta da Apelle figlio di Apollo.
  8. Una rana nera e rara sulla rena errò una sera.
  9. Chi troppo in alto sal, cade sovente precipitevolissimevolmente.
  10. Prese dove Mise mise mise mise misero misero mise misero Prese prese tre.
  11. Pure Pelé partì per il Perù però perì per il puré.
  12. Nell’anfratto della grotta trentatré gretti gatti si grattano.
  13. Dietro il palazzo c’è un povero cane pazzo, date un pezzo di pane al povero pazzo cane.
  14. Eva dava l’uva ad Ava, Ava dava le uova ad Eva, ora Eva è priva d’uva mentre Ava è priva d’uova.
  15. Chi ama chiama chi ama, chiamami tu che chi ami chiami. Chi amo chiamerò se tu non chiami.
  16. In un pozzo poco cupo si specchiò una volta un lupo, che nel cupo pozzo andò a sbattere di cozzo con un cupo tonfo fioco da smaltire a poco a poco e credette di azzanare un feroce suo compare, ma rimase brutto e cupo il feroce lupo.
  17. Li vuoi quei kiwi? E se non vuoi quei kiwi che kiwi vuoi?
  18. Ho in tasca l’esca ed esco per la pesca, ma il pesce non s’adesca, c’è l’acqua troppo fresca. Convien che la finisca, non prenderò una lisca! Mi metto in tasca l’esca e torno dalla pesca.
  19. Tu che attacchi i tacchi, attaccami i tacchi. Io? attaccare i tacchi a te che attacchi i tacchi? Ma attaccateli tu i tuoi tacchi!Porta aperta per chi porta, chi non porta parta pure per la porta aperta, poco importa.
  20. Se oggi seren non è, doman seren sarà, se non sarà seren si rasserenerà.
  21. Due tazze strette in due strette tazze.
  22. Caro conte chi ti canta tanto canta che t’incanta.
  23. In un coppo poco cupo, poco pepe pesto cape.Sette scettici sceicchi sciocchi con la sciatica a Shanghai.
  24. Chi tocca di zucca la zucca di Checca fa zucca barucca e la zucca si ammacca. Che pacca che schiocca!
  25. Sotto un uscio tutto liscio cadde a striscio un grosso guscio.
  26. A quest’ora il questore in questura non c’è.
  27. Se il coniglio gli agli ti piglia,togligli gli agli e tagliagli gli artigli.
  28. A che serve che la serva si conservi la conserva se la serva quando serve non si serve di conserva?
  29. Nove navi nuove navigavano.
  30. Sotto le frasche del capanno quattro gatti grossi stanno; sotto quattro grossi sassi, quattro gatti grossi e grassi.
  31. Al pozzo dei pazzi una pazza lavava le pezze.
  32. Andò un pazzo e buttò la pazza con tutte le pezze nel pozzo dei pazzi.
  33. Sopra il palazzo c’è un cane pazzo, date un pezzo di pane a quel povero pazzo cane.
  34. Una platessa lessa lesse la esse di Lessie su un calesse fesso.
  35. Figlia, sfoglia la foglia; sfoglia la foglia, figlia.
  36. Tre fiaschi stretti stan dentro tre stretti fiaschi, ed ogni fiasco stretto sta dentro lo stretto fiasco.
  37. Tre tozzi di pan secco in tre strette tasche stanno.

L’articolo Scioglilingua italiani più famosi sembra essere il primo su https://www.6sicuro.it

Seguici su Google+