Tassa rifiuti 2019: quando pagare la TARI, esenzioni e riduzioni

 

Chi non paga la tassa rifiuti 2019? Chi ha diritto ad uno sconto? Ecco come non pagare la TARI o ottenerne una riduzione.

Tassa rifiuti: cos’è e chi deve pagarla

La Tassa rifiuti o TARI è una tassa comunale destinata a finanziare lo smaltimento dei rifiuti. La tassa riguarda chi possiede o detiene a qualsiasi titolo (ad esempio in affitto) immobili o aree scoperte che possono produrre rifiuti.
Nel caso in cui la detenzione riguarda un periodo breve, inferiore ai 6 mesi, la TARI riguarderà esclusivamente che possiede l’area tassabile a titolo di proprietà, usufrutto, uso, abitazione o superficie.

Esenzione tassa rifiuti

Ci sono due tipologie di aree escluse dalla tassa rifiuti:

  • aree scoperte pertinenziali a quelle tassabili (si pensi ad un cortile condominiale);
  • aree comuni dei condomini (ad esempio scalinate o androni);
  • aree che non producono autonomamente rifiuti (come balconi, cantine o terrazze);
  • locali che, per situazioni particolari e comprovate, non producono rifiuti;
  • immobili disabitati, ma nel rispetto di determinate condizioni (come utenze disattivate e assenza di arredi e suppellettili).

Tutto ciò in via generale, ma occorre ricordare che trattandosi di una tassa comunale, i Comuni hanno una certa autonomia regolamentare e quindi possono stabilire ulteriori esenzioni. Quindi il nostro primo consiglio è quello di cercare il regolamento del tuo Comune per essere certo dei tuoi diritti/doveri in materia.

Calcolo e scadenza TARI 2019

La TARI si calcola in base alla superficie calpestabile degli immobili. I Comuni prendono in considerazione, ai fini dei calcoli, l’80% della superficie catastale per gli immobili iscritti nel catasto edilizio urbano. Per tutte gli altri immobili non iscritti a suddetto registro, si fa riferimento alla superficie calpestabile.

Purtroppo a differenza di altre tasse comunali, come IMU e TASI, le scadenze non sono uniche a livello nazionale ma variano di comune in comune. Si può pagare in un’unica soluzione oppure viene suddivisa in un minimo di due e un massimo di 4 rate, anch’esse con scadenze definite dal Comune in cui è sito l’immobile. Tipicamente le scadenze sono le seguenti:

  • prima rata il 31 marzo;
  • seconda rata il 30 giugno;
  • terza rata il 31 luglio;
  • quarta rata il 30 settembre.

Sarà comunque direttamente l’ente di riferimento a comunicarti importi e scadenze, inviandoti l’avviso di pagamento direttamente a casa.

[clickToTweet tweet=”Tassa rifiuti 2019: come non pagare o pagare meno https://www.6sicuro.it/casa/tassa-rifiuti-2019 di @MichelaCalculli” quote=”Tassa rifiuti 2019: come non pagare o pagare meno “]

Riduzione Tassa rifiuti 2019

Come detto, ogni Comune ha un regolamento proprio e possono definire autonomamente alcuni sconti e riduzioni sulla tassa. Ecco alcuni esempi:

  • riduzione fino al 10% per chi ricicla l’organico utilizzando i contenitori per il compostaggio;
  • sconto fino all’80% nel caso in cui, per determinati periodi, non vi sia il regolare servizio di smaltimento dei rifiuti (assenza del servizio, violazione del regolamento, interruzione del servizio per motivi sindacali ecc.);
  • riduzione fino al 60% nel caso in cui i cassonetti siano posizionati distanti dall’abitazione del soggetto che deve conferire i rifiuti;
  • sconti per abitazioni occupate da una sola persona, da soggetti che trascorrono all’estero più di sei mesi l’anno, da nuclei familiari in condizioni di disagio economico;
  • riduzioni per immobili utilizzati saltuariamente (come le case vacanza), fabbricati rurali, immobili detenuti da enti del Terzo settore, locali di culto, locali commerciali danneggiati dalla presenza di cantieri;
  • sconti per soggetti che smaltiscono in proprio parte dei rifiuti prodotti.

L’articolo Tassa rifiuti 2019: quando pagare la TARI, esenzioni e riduzioni sembra essere il primo su https://www.6sicuro.it

Seguici su Google+