Tassa sui conti correnti: imposta di bollo in scadenza a fine giugno

tassa conti correnti

Non si tratta di una nuova tassa, anzi, ma molti cittadini avevano ipotizzato che anche per la tassa sui conti correnti potesse esserci uno slittamento. L’imposta di bollo ammonta a 34,20 euro l’anno per le persone fisiche e 100 euro per le società. La somma non dovrà essere versata dai contribuenti ma sarà prelevata direttamente dai conti correnti e anche dai libretti di risparmio bancari e postali, che non sono esclusi da questo prelievo.

Tassa sui conti correnti: prelievo il 30 giugno

L’imposta di bollo, per i soggetti che hanno optato per la rendicontazione bancaria trimestrale (cioè più del 90% dei risparmiatori) viene prelevata ogni tre mesi direttamente da conti correnti e libretti di risparmio bancari e postali per un importo pari a:

  • 8,55 euro a trimestre per le persone fisiche;
  • 25 euro a trimestre per i soggetti diversi dalle persone fisiche, come società o associazioni.

L’importo annuo è dunque pari a 34,20 euro per le persone fisiche e 100 euro per le società.

Si tratta dunque di una tassa patrimoniale obbligatoria che non dipende dalle giacenze o dai saldi presenti su conti o libretti. È una tassa fissa che riguarda nella stessa misura tutti i conti e libretti per il solo fatto di essere stati aperti.

L’imposta di bollo sui conti correnti non va versata ma viene prelevata direttamente dai conti e libretti dal momento che istituti di credito e Poste fungono da sostituti d’imposta.

L’imposta viene applicata al momento dell’emissione dell’estratto conto mensile o trimestrale, dunque il 30 giugno riguarderà tutti i correntisti obbligati che si vedranno decurtare la tassa dai loro rapporti finanziari.

La tassa sui conti correnti riguarda ciascun conto e libretto e non il singolo correntista, dunque va pagata per ciascun conto e/o libretto posseduto.

Tassa sui conti correnti: imposta di bollo in scadenza a fine giugno Click To Tweet

Chi è escluso dalla tassa sui conti correnti?

Ci sono dei casi che permettono di essere esonerato dal pagamento dell’imposta di bollo sui conti correnti, nel dettaglio:

così come i conti correnti Paypal che non rientrano nella categoria “conti correnti bancari” e i correntisti con Isee inferiore a 7.500 euro.

  • conti e libretti con un limite di giacenza media inferiore ai 5.000 euro;
  • carte prepagate, anche se dotate di IBAN;
  • conti correnti Paypal che non rientrano nella categoria “conti correnti bancari”;
  • correntisti con ISEE inferiore a 7.500 euro.

L’articolo Tassa sui conti correnti: imposta di bollo in scadenza a fine giugno sembra essere il primo su https://www.6sicuro.it

Seguici su Google+