Competenze digitali nelle assicurazioni: due corsi dell’Italian Insurtech Association

Due percorsi formativi per sostenere le competenze digitali nel mondo delle assicurazioni: è la risposta di IIA – Italian Insurtech Associtation, al forte ritardo digitale che penalizza il settore.

Oggi, infatti, in Italia solo il 34% delle compagnie ha una struttura dedicata all’innovazione, contro il 77% in Europa e solo il 24% intermediari assicurativi (indagine IIA, EMF Group elipsLife) ritengono di avere un livello di business molto digitalizzato, mentre per il 52% il processo si trova in uno stato di avanzamento e per il 24% è solo alle fasi iniziali.

“Il Gap di competenze tecniche e digitali rappresenta uno dei principali limiti dell’Insurtech italiano – commenta Simone Ranucci Brandimarte, Presidente di IIA “Per superarlo prevediamo per i prossimi 5 anni un fortissimo sforzo in termini di formazione, transfer di competenze tramite collaboratività e rinnovamento delle compagnie attraverso l’apertura alle nuove discipline del digitale. Il nostro impegno formativo è proprio quello di incoraggiare i professionisti a guidare l’evoluzione digitale nell’industria assicurativa. Per questo auspichiamo inoltre che gli investimenti in formazione per la digital transformation diventino massivi e invitiamo gli Amministratori Delegati, i CDA e i management ad affrontare questa esigenza nel più breve tempo possibile. Non basterà l’open innovation a creare un humus su cui far germogliare l’insurtech”.

Assicurazioni, il ritardo digitale in Italia

Secondo una survey realizzata da IIA, il grave gap in termini di competenze tecnologiche e digitali nel comparto assicurazioni è percepito dal 71% degli impiegati del settore, di cui il 53% che si dice molto preoccupato per questo divario che rischia di limitare la capacità del settore di sviluppare nuovi prodotti e servizi in linea con le esigenze di un consumatore sempre più digitale.

Il 39% ritiene di non essere in grado di usare al meglio strumenti tecnologici di base come la mail o strumenti operativi e il 65% non conosce il significato di tecnologie e soluzioni alla base della rivoluzione digitale in atto in qualsiasi settore: IoT, Blockchain, Machine learning.

Competenze digitali, il gap che frena il mercato assicurativo in Italia

Non solo: dalla ricerca EY realizzata in collaborazione con IIA sull’impatto dell’innovazione sull’organizzazione delle aziende assicurative emerge inoltre che il 43% dei professionisti del settore non sappia cosa siano le polizze on demand. Di fronte a questa consapevolezza di un mismatch di competenze rispetto alle esigenze del mercato, l’82% degli intervistati dall’indagine richiede nei prossimi 12 mesi più formazione e training proprio in ambito tecnologico e digitale.

Due iniziative per la formazione in competenze digitali per le assicurazioni

Per rispondere a questa esigenza, IIA, da sempre impegnata nel promuovere la formazione tecnica e la condivisione di best practice tecnologiche degli operatori del settore, ha aperto le iscrizioni per due nuovi percorsi formativi: il Master in Insurtech e il corso The Digital Reinvention of Insurance – The Future of Insurance Technology. Le due iniziative hanno l’obbiettivo di amplificare le competenze dei futuri professionisti del mondo assicurativo.

Il Master in Insurtech

In partenza il 1 novembre la seconda edizione del Master in Insurtech, organizzato da IIA con fintechjobs.today, la community che offre servizi di recruitment e formazione innovativi  e focalizzati sul mercato finanziario italiano.

Il Master ha l’obiettivo di fornire gli strumenti per comprendere e gestire le innovazioni digitali che stanno trasformando l’industria assicurativa. Il percorso avrà la durata di 6 settimane e sarà articolato in 5 moduli di studio. Per chi avrà superato l’80% della frequenza, verrà rilasciato un Executive Master Certificate.

Clicca qui per maggiori informazioni

The Digital Reinvention of Insurance

Il corso The Digital Reinvention of Insurance si rivolge agli executive, ai quali è stata affidata la responsabilità di guidare l’innovazione e la digital trasformation della propria azienda. Si tratta di 5 giornate, dal 18 al 22 ottobre, svolte in modalità live streaming, in lingua inglese e con la presenza di speaker delle principali compagnie assicurative, dell’ecosistema insurtech e di aziende tecnologiche della Silicon Valley, che porteranno la loro visione innovative del settore.

Al termine del corso verrà rilasciata una certificazione.

Clicca qui per maggiori informazioni

Mercato assicurativo, le nuove sfide

Tra le nuove sfide per il mercato assicurativo, emerge sempre più la nuova figura dell’assicuratore che deve avere competenze che sappiano fondere data science, intelligenza artificiale, ingegneria matematica. Nei prossimi 10 anni tutte le compagnie dovranno assumere e formare personale sulla base delle nuove professionalità emergenti, quali: Digital Trasformation Managers, IG Data Scientist; & Business Analyst, IA and Machine Learning Expert, Digital Project Manager, Cloud Architect, Growth Hacker, Scrum Master, UX Designer, Digital Marketing & Performance Leader, Digital Strategy Leaders, Business Process Automation Leaders, Cybersecurity Leaders, Robotics Engineers, Fintech Engineers e Digital Underwriters.

L’articolo Competenze digitali nelle assicurazioni: due corsi dell’Italian Insurtech Association proviene da InsuranceUp.


Insurtech, quali sono i provvedimenti che servono nel PNRR

L’industria assicurativa italiana è entrata nella fase di digitalizzazione, ma ancora siamo agli inizi. Cosa può fare il PNRR per l’insurtech?

Per rendere il mercato italiano competitivo ed evitare che il gap di innovazione e competenze i trasformi in un gap di performance, a beneficio di attori stranieri più tecnologici, l’Italian Insurtech Association (IIA) ritiene che gli sforzi in termini di investimenti debbano crescere sia in termini di intensità che di partecipazione pubblica e privata.

Per questo propone 7 misure per utilizzare le risorse del Recovery Fund messe a disposizione del PNRR per accelerare la trasformazione del settore insurance e insurtech. Vediamo in sintesi quali.

  1. Copertura a fondo perduto degli investimenti in Tecnologie Digitali con un “Insurtech Bonus” eventualmente con massimali legati alle dimensioni dei riceventi

La prima proposta sono incentivi fiscali su investimenti in startup per compagnie assicurative, fondi e business angel, e sugli investimenti in tecnologie per compagnie assicurative, broker e agenti. Incentivi inoltre alla formazione insurtech, e infine accesso al credito per startup e intermediari del settore assicurativo che vogliano sviluppare assets insurtech.

  1. Copertura degli investimenti finalizzati alla collaborazione di assicurazioni e banche con terze parti e startup per la realizzazione di progetti digitali con l’“Insurtech Bonus”

Accanto agli incentivi fiscali, per stimolare l’ecosistema si potrebbero creare incentivi economici per la creazione di progetti di scaleup e iniziative di open innovation.

  1. Creazione di Regulatory Sandbox

L’innovazione è sperimentazione, specialmente in un mondo in trasformazione come quello del fintech. Il Regulatory Sandbox diventerebbe uno “spazio sicuro” dove sperimentare prodotti, servizi o modelli di business innovativi, senza trovarsi le mani legate dalle rigide normative vigenti.

  1. Coperture degli investimenti in formazione ed educazione digitali con un “Insurtech Education Act” , facendo leva su Incentivi già stanziati o su nuovi fondi dedicati.

Le competenze digitati e tecnologiche sono alla base dell’evoluzione del settore: per questo è necessaria la creazione di competenze digitali diffuse nel comparto assicurativo, favorendo corsi di base gratuiti e realizzando un progetto di Rinascimento digitale che sia inclusivo e diffuso su tutta la filiera.

  1. Supporto agli investimenti sulle Startup Insurtech

Sono diversi i punti su cui far leva per investire in statup del settore: dall’istituzione di Fondi dei Fondi dedicati, all’adozione di un Tech Transfer Act, e ancora rivedere i parametri delle norme relative alla crisi d’impresa quando applicate alle startup.

  1. Creazione di un piano nazionale di supporto alle reti di agenti ed ai broker con incentivi all’implementazione di tecnologie ed alla formazione di competenze digitali

Un provvedimento essenziale ad evitare che alcuni soggetti, magari quelli con meno risorse, rimangano indietro su un asset essenziali come le competenze, e si crei un gap legato alla dimensione degli operatori.

  1. Creazione di Poli Digitali Insurtech che facciano capo a diversi soggetti promotori

Questi Poli, che potrebbero essere promossi da compagnie Assicurative, Incubatori & Acceleratori, Università ma anche dalle startup, avrebbero la possibilità di creare iniziative di massa critica sufficiente per sviluppare competenze e progettualità Insurtech sul territorio, cercando di “aggregare” risorse sufficienti per evitare la estrema frammentazione dei settori innovativi italiani come l’Insurtech.

Vuoi sapere di più? Leggi l’articolo integrale su Economyup

L’articolo Insurtech, quali sono i provvedimenti che servono nel PNRR proviene da InsuranceUp.


Le competenze necessarie per accelerare l’innovazione delle assicurazioni

Fatto l’Insurtech, adesso bisogna fare gli “Insurtechiani”.  La citazione da Massimo D’Azeglio può aiutarci per mettere a fuoco una delle sfide che l’industria delle assicurazioni deve affrontare e vincere per poter entrare nel futuro: creare le competenze digitali per comprendere e gestire i cambiamenti del mercato e dei clienti e strutturare correttamente il dialogo con le startup.

La consapevolezza sulla necessità della trasformazione digitale è sempre più diffusa, come dimostrano diverse indagini. La pandemia ha evidentemente impresso una accelerazione in questo senso. La pressione delle startup sugli incumbent aumenta e i migliori sempre più spesso riescono a tradurla in nuove opportunità di business e di sviluppo. Ma la sensazione, anche all’interno delle aziende, è che ancora si faccia meno di quel che dovrebbe e potrebbe fare. E non certo per cattiva volontà.

Il recente Insurtech Innovation Index elaborato dall’Italian Insurtech Association con con l’Osservatorio Fintech & Insurtech del Politecnico di Milano ci ricorda che nel 2020 ben il 63% delle compagnie assicurative ha avviato progetti interni di Insurtech. Meno è stato fatto aprendosi verso l’esterno (partnership e progetti con startup pesano per circa il 40%).

L’innovazione dell’industria assicurativa, quindi, è ancora prevalentemente interna. Ma il 71% degli operatori del settore assicurativo ritiene che ci sia un gap di competenze tecniche e digitali e addirittura l’82% chiede più formazione tecnica e digitale (questi dati provengono da un’altra indagine di Italian Insurtech association con EY).

Il problema appare a questo punto evidente. Da una parte le assicurazioni stanno lavorando per la loro trasformazione digitale contando prevalentemente su risorse e modelli interni (magari sostenute da supporti consulenziali esterni), dall’altra non si sentono adeguatamente attrezzati per farlo. Non è certamente la migliore condizione per affrontare la sfida della trasformazione digitale che diventerà sempre di più una sfida per la competitività.

Servono quindi nuove competenze digitali. Arriveranno dall’esterno, certamente. Ma dovranno soprattutto essere “generate” dalla riqualificazione di chi lavora già dentro le compagnie di assicurazione. Il binomio Skills e Reskill diventerà un’ossessione nell’insurance e non solo per gli HR manager. “Non basta più avere nuove idee, nel fintech come nell’insurtech, servono nuove persone”, sostiene con convinzione Laura Grassi, direttore dell’Osservatorio Fintech & Insurtech. Nuove persone che possono venire fuori anche dalle “vecchie”, se inserite in percorsi di formazione efficienti ed efficaci.

L’esigenza delle aziende è chiara, come anche la domanda del mercato: anche le startup stesse e le scaleup stanno diventando datori di lavoro alla ricerca dei “lavoratori della trasformazione digitale”. E poi ci sono le autorità regolatorie che hanno bisogno di figure capaci di comprendere e affrontare i cambiamenti della tecnologia e del business. Non a caso il MIP, la School of Management del Politecnico di Milano ha appena lanciato il primo programma online di formazione per i Fintech Professional

Quando anche nelle assicurazioni entreranno (o aumenteranno)  UX Designer o Data Scientist, Ethical Hacker o Blockchain Advisor certamente aumenterà la velocità di innovazione. Anche se fatta all’interno.

L’articolo Le competenze necessarie per accelerare l’innovazione delle assicurazioni proviene da InsuranceUp.


Competenze digitali, il gap che frena il mercato assicurativo in Italia

Competenze digitali, ecco la sfida per l’insurance. Se la domanda del potenziale cliente assicurativo è matura per un’interazione completamente digitale con la propria compagnia, l’offerta tarda ad essere sviluppata e proposta adeguatamente.

Appuntamenti virtuali, customer service automatizzati e in sintonia con le  esigenze del singolo cliente, acquisti attraverso social network come Tik Tok: questo è il panorama nel quale siamo sempre più immersi, ma il mercato assicurativo non si sta muovendo con la stessa velocità con cui cambia e soprattutto in linea con le aspettative del nuovo consumatore digitale.

La tecnologia ha profondamente trasformato l’economia, la società ed i modelli di erogazione dei servizi e le competenze digitali diventano fondamentali: questo è il vero gap da colmare ed uno dei principali limiti alla digital trasformation del nostro settore.

Le competenze tecnologiche e digitali nel settore assicurativo: una ricerca

Da una survey realizzata da Italian Insurtech Association a fine 2020 (analisi su base associati – Impiegati, Quadri, Agenti, Brokers) emergono dati che confermano una situazione sulla quale è necessario e urgente intervenire :

  • Il 71% degli operanti nel settore assicurativo ritiene ci sia un gap di competenze tecniche e digitali nel proprio settore;
  • Il 39% degli operanti nel settore assicurativo ritiene ci sia un gap di competenze digitali di base (alfabetizzazione digitale, come il corretto uso dell’email) nel proprio settore;
  • Il 65% degli operanti nel settore assicurativo non sa dare una definizione di 3 concetti quali BlockChain, IOT e Machine Learning;
  • Il 43% degli operanti nel settore assicurativo non sa cosa sono polizze on demand;
  • Al 58% degli operanti nel settore assicurativo non è mai stato proposto un corso di formazione Tecnico e/o Digitale;
  • Al 67% degli operanti nel settore assicurativo non è mai stato proposto un corso di formazione Tecnico e/o Digitale coordinato internamente dalla propria azienda;
  • Il 45% degli operanti nel settore assicurativo ritiene ci sia un gap con i propri clienti in termini di competenze Tecniche e/o Digitali;
  • L’82% degli operanti nel settore assicurativo auspica di avere più formazione Tecnico e/o Digitale.
  • Il 54% di coloro che auspicano ci possa essere più formazione Tecnico e/o Digitale, pagherebbero di tasca propria tale formazione.

Competenze digitali, il rischio di un technology gap

Emerge quindi un quadro con una forte esigenza di creazione di nuove competenze all’interno del settore assicurativo, tramite sperimentazione, collaborazione con aziende native digitali, ma soprattutto percorsi di formazione ad hoc, che vanno sistematizzati, strutturati e resi disponibili all’intera filiera assicurativo. Il rischio è  – laddove questo non succeda –  veder crescere un gap di competenze che potrebbe presto trasformarsi in un gap di competitività professionale ed anche aziendale.

D’altro canto i dati parlano chiaro: il 2019 è stato un anno record per l’insurtech con 6,8 miliardi investiti nel mondo attraverso 250 operazioni (+62% rispetto ai 2,6 miliardi del 2018), tuttavia in Europa sono stati investiti solo 897 milioni e l’Italia, negli ultimi tre anni, ha assorbito meno del 5% del totale investito in Europa.

Investire in risorse umane per creare nuova offerta

Per questo, per scongiurare un Technology Gap del mercato dobbiamo creare le condizioni per cui si possa instaurare un sistema di rapido sviluppo tecnologico del settore assicurativo, un sistema nel quale gli investimenti – economici, di brain power, di risorse umane – portino a creare una nuova offerta, nuove tecnologie, nuove competenze e nuovi modelli operativi.

La risposta, celere e positiva, non può essere demandata ai singoli attori, ma richiesta al sistema Paese, all’interno del quale Compagnie, Intermediari e Fornitori operano: se il sistema non creerà il contesto favorevole, il settore assicurativo Italiano perderà di competitività.

In quest’ottica, all’interno del suo manifesto programmatico Italian Insurtech Association indica la creazione di nuove competenze digitali diffuse una delle direttive principali di investimento del comparto assicurativo, insieme allo stimolo agli Investimenti in Insurtech tramite incentivi e alla collaboratività di Assicurazioni e Banche con aziende tecnologiche e Start-up Insurtech.

In ambito formativo bisognerà favorire corsi di base gratuiti e un progetto di rinascimento digitale che sia inclusivo e diffuso su tutta la filiera, un rinascimento che sia veloce come i tempi e al contempo rassicurante, in modo tale che tutti i lavoratori abbiano fiducia nelle conseguenze positive che la tecnologia potrà apportare alla qualità del loro lavoro.

Se il 2021 dovrà essere l’anno della rinascita e dell’Insurtech – e noi ne siamo certi – bisognerà partire dalla creazione delle competenze.

L’articolo Competenze digitali, il gap che frena il mercato assicurativo in Italia proviene da InsuranceUp.


CoderKids, la startup che insegna ai bambini come si programma

CoderKids è fra i tre vincitori del concorso MIA – Miss in Action, il programma di accelerazione per l’imprenditoria femminile supportato da Digital Magics e dal Gruppo BNP Paribas in Italia, con il patrocinio del Comune di Milano.

La founder Federica Gambel racconta a InsuranceUp come funzionano i corsi curati dalla startup, i cambiamenti portati dall’epidemia di Covid-19 e i progetti per il futuro.

CoderKids: l’importanza di imparare a programmare

“Mi sono sempre occupata di digitale e consulenza. In quattro anni ho fatto tre figli: non riuscivo più a seguire i ritmi. Un video però mi ha aperto gli occhi sull’importanza del coding” spiega Gambel.

Oggi  CoderKids offre corsi di programmazione e coding studiati per bambini e ragazzi dagli 8 ai 16 anni: “Non vogliamo formare programmatori, il nostro obiettivo è aiutare ad acquisire consapevolezza con le nuove tecnologie”. Un elemento fondamentale, che guarda al lungo termine: “È dimostrato che l’85% dei lavori del futuro ancora non esistono. Sappiamo però che saranno necessarie alcune competenze specifiche, come quelle relative al digitale” afferma Gambel.

I corsi di CoderKids insegnano quindi un modo di pensare e di risolvere i problemi basato sull’approccio computazionale: un mindset già oggi richiesto in moltissimi ambiti, dall’intelligenza artificiale all’ingegneria, passando per la grafica e i social media.

Il Covid-19: che cosa è cambiato

Prima dell’arrivo dell’emergenza Coronavirus la startup collaborava con varie scuole – lavorando sia con i bambini che in ambito formazione docenti – ma organizzava anche workshop ed eventi con editori, creatori di contenuti e aziende. Poi, il Covid: “Siamo stati costretti a spostarci online e ad affidarci alla didattica a distanza” spiega la Ceo. L’esperimento, però è andato bene: molti genitori infatti si sono detti soddisfatti delle lezioni online, anche grazie al minor impiego di tempo e all’eliminazione di spostamenti continui.

Per tutta l’estate le attività di CoderKids continueranno online tramite lezioni live con piccoli gruppi e percorsi personalizzati. Le lezioni hanno cadenza giornaliera e sono fruibili da tutta Italia: bastano un pc e una connessione a internet. Durante le ore di lezione i bambini possono sperimentare e dare sfogo alla creatività tramite una serie di attività sempre diverse: imparano a creare un videogioco, un’applicazione, a muoversi nell’ambito del digital storytelling e a modellare i codici da diversi punti di vista.

La vittoria al MIA- Miss in Action 2020

CoderKids è tra le tre startup vincitrici della seconda edizione del concorso MIA – Miss in Action 2020, organizzato dall’incubatore Digital Magics e dal Gruppo BNP Paribas in Italia per promuovere l’imprenditoria femminile, con il patrocinio del Comune di Milano.

Dopo la proclamazione del 25 maggio scorso, oggi CoderKids ha appena concluso la parte di mentoring seguita da Digital Magics: “Ci è servito molto, abbiamo avuto la possibilità di confrontarci con validi professionisti e chiarirci le idee su ciò che abbiamo fatto” dice Gambel, che poi sposta l’attenzione su problemi estremamente attuali: “Il MIA ci ha anche spronato a esplorare l’ambito dei corsi a distanza. Così abbiamo trasformato il Covid-19, che avrebbe potuto essere un grande problema per le nostre attività, in opportunità”. E sta funzionando.

Il futuro tra qualità e comunicazione

Nel futuro, Gambel intende migliorare sempre di più la qualità dei servizi offerti da CoderKids: “Vogliamo continuare a fare quello che ci piace, portare avanti tutte le nostre attività e riuscire a trovare una chiave di volta per la didattica a distanza” afferma. Fondamentale, però, è anche mantenere standard elevati per quanto riguarda il numero degli alunni (i corsi devono svolgersi in piccoli gruppi) e le lezioni, sempre in diretta.

Obiettivo importante è anche sensibilizzare riguardo all’importanza del coding: “Spesso è difficile far capire ai genitori cosa significhi imparare a programmare” spiega Gambel a InsuranceUp. Sul tema della digital literacy, in effetti, c’è ancora molto da lavorare, sia dal punto di vista concettuale che comunicativo.

Photo by Bermix Studio on Unsplash

L’articolo CoderKids, la startup che insegna ai bambini come si programma proviene da InsuranceUp.